Oligarchia

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

Il concetto di oligarchia (dal greco "governo dei pochi") si riferisce a un tipo di organizzazione statale e sociale in cui individui ricchi, motivati da interessi personali, esercitano il potere in modo arbitrario. Sin da Platone e Aristotele, è considerata una degenerazione dell'aristocrazia (dal greco "governo dei migliori"), orientata al perseguimento del bene comune e in quanto tale legittima.

Secondo Max Weber l'oligarchia era tipica dei regimi basati sulla Cooptazione. Nella storiografia sviz. il termine è utilizzato per il periodo compreso tra il XVI e il XVIII sec., durante il quale, oltre ai Cantoni aristocratici, anche le Città a regime corporativo e i Cantoni rurali conobbero tendenze oligarchiche (Aristocratizzazione). Tuttavia il concetto di oligarchia mal si conciliava con il fatto che i cant. conf. si percepivano come regimi repubblicani e non era perciò impiegato in relazione alla realtà politica elvetica nelle opere di diritto o a carattere storico. Esso era utilizzato solo a proposito di regimi antichi o in speculazioni teoriche sulle circostanze e le cause che avrebbero potuto portare una repubblica a divenire un'oligarchia.

Nei conflitti politici tale termine entrò in uso dalla Riforma. Heinrich Bullinger replicava ai suoi avversari che Zurigo non era "un'oligarchia ma una democrazia". Durante i moti del 1691 Jacob Petri denunciò il regime basilese definendolo "una pura tirannia o un'oligarchia". Nel 1744 il ginevrino Jacques-Barthélemy Micheli du Crest affermò che Berna, Zurigo e Ginevra erano naturalmente condannate a divenire oligarchie incontrollate.

Durante la Rivoluzione elvetica Frédéric-César de La Harpe utilizzò questo termine come un'arma politica. Guillaume Brune, generale al comando delle truppe franc. che invasero la Conf., dichiarò che la sua missione consisteva nel lottare "contro l'oligarchia armata" (1798). Con il declino delle élite tradizionali nella prima metà del XIX sec., il concetto perse la sua importanza nel dibattito politico.


Bibliografia
– H. R. Merkel, Demokratie und Aristokratie in der schweizerischen Geschichtsschreibung des 18. Jahrhunderts, 1957
Historisches Wörterbuch der Philosophie, 6, 1984, 1178-1182
– S. Burghartz, «Das "Ancien Régime"», in Basel - Geschichte einer städtischen Gesellschaft, a cura di G. Kreis, B. von Wartburg, 2000, 116-147

Autrice/Autore: Daniel Schläppi / ato