15/09/2009 | segnalazione | PDF | stampare | 

Barberêche

Com. FR, distr. Lac; (1154: Barbereschi; antico nome ted. Bärfischen). Situato sulla riva occidentale del lago di Schiffenen, comprende il villaggio di Pensier e le frazioni Villaret, Breilles, Grimoine, Grand- et Petit- Vivy. Pop: 389 ab. nel 1850, 507 nel 1900, 590 nel 1950, 551 nel 2000; nel 2000 la percentuale di germanofoni era del 22%. Ritrovamento di una necropoli risalente al periodo di Hallstatt e di due villae romane. Un Rodolphe de B. è menz. fra il 1154 e il 1198; Peter von Mettlen (morte 1332), vassallo dei conti von Thierstein, è il primo signore conosciuto di B. Il villaggio divenne successivamente un feudo dei Mossu (XV sec.), di François d'Arsent, di Pierre Falck (1519), dei Praroman (1519-1662) e degli Estavayer-Mollondin (1662-1799). All'inizio del XVI sec. la fortezza medievale fu sostituita da un castello (restaurato nel XIX), che dal 1836 al 1988 appartenne alla fam. de Zurich. B. fece parte delle Anciennes Terres ("bandiera" dell'Hôpital) dal 1442, del distr. di Friburgo dal 1798 e del distr. ted. dal 1831; dal 1848 è inserito nel distr. del Lac. La parrocchiale di S. Maurizio, risalente all'XI-XII sec. e ampliata nel 1785-86, fu ristrutturata alla fine del XIX sec. Il primo edificio scolastico fu eretto nel 1731; l'ist. S. Domenico (pensionato per allievi di scuola secondaria) chiuse i battenti nel 1976. La stazione ferroviaria di Pensier, sulla linea Morat-Friburgo, fu inaugurata nel 1898; la diga di Schiffenen venne costruita negli anni 1962-63.


Bibliografia
MAS FR, 4, 1989, 14-85
– C. e M. Waeber, Barberêche retrouvé, 1992

Autrice/Autore: Marianne Rolle / vfe