No 1

Laban, Rudolf von

nascita 15.12.1879 Bratislava, morte 1.7.1958 Weybridge (Gran Bretagna), catt., cittadino ungherese. Figlio di Rudolf, ufficiale dell'esercito, e di Marie Bridling. ∞ 1) (1900) Martha Fricke; 2) (1910) Maja Lederer. Dopo un soggiorno a Parigi (1901-04), seguirono anni irrequieti, caratterizzati da frequenti cambi di domicilio. Nel 1910 fondò a Monaco la scuola di arte del movimento, che proseguì a Zurigo (1913-19) e, durante i mesi estivi, sul Monte Verità ad Ascona. In questo periodo sviluppò gli studi sul movimento, che miravano a scindere la danza dalla musica, elevandola a forma artistica autonoma. Direttore del corpo di ballo dello Staatstheater di Prussia (dal 1930), curò la coreografia della cerimonia di apertura dei giochi olimpici estivi di Berlino del 1936. Nel 1938 emigrò in Inghilterra, dove si occupò spec. di studi ritmici per migliorare la produttività dei lavoratori. Innovatore della danza moderna, con il suo linguaggio per codificare i movimenti del corpo umano - la cosiddetta notazione Laban - tentò di conferire sistematicità alla danza.


Opere
Die Welt des Tänzers, 1920
Ein Leben für den Tanz, 1935
Bibliografia
– V. Preston-Dunlop, R. Laban, 1998

Autrice/Autore: Andreas Schwab / cne