• <b>Jeanne Hersch</b><br>La filosofa ginevrina fotografata nella sua abitazione di Carouge verso il 1950 (Biblioteca nazionale svizzera).

No 1

Hersch, Jeanne

nascita 13.7.1910 Ginevra, morte 5.6.2000 Ginevra, isr., originaria della Polonia, di Ginevra. Figlia di Liebmann, professore di demografia e di statistica all'Univ. di Ginevra, e di Liba Lichtenbaum, medico, impiegata alla sezione del disarmo della Soc. delle Nazioni. Nubile. Studiò filosofia a Ginevra, Parigi, Heidelberg e Friburgo in Brisgovia, conseguendo il dottorato nel 1946. Fu docente alla scuola intern. di Ginevra (1933-56), libera docente (1947-56) e professoressa di filosofia a Ginevra (1956-77, ordinaria nel 1962) e professoressa ospite presso diverse Univ. negli Stati Uniti, in Canada e in Sudamerica. Direttrice della divisione di filosofia dell'UNESCO (1966-68), fece parte del comitato esecutivo (1970-72) e della commissione sviz. (1970-76) della medesima istituzione. Allieva di Karl Jaspers, ne curò diverse traduzioni. Autrice di numerosi libri e articoli, focalizzò la propria attenzione soprattutto sulle questioni della libertà e della dignità dell'uomo. Iscritta al partito socialista, sostenne spesso posizioni personali opposte a quelle del partito su problemi sociali (droga, rivolte studentesche) o politici (affare Kopp). Fu un membro attivo dell'Unione europea dei federalisti.

<b>Jeanne Hersch</b><br>La filosofa ginevrina fotografata nella sua abitazione di Carouge verso il 1950 (Biblioteca nazionale svizzera).<BR/>
La filosofa ginevrina fotografata nella sua abitazione di Carouge verso il 1950 (Biblioteca nazionale svizzera).
(...)


Opere
L'illusion philosophique, 1936
– come curatrice, Le droit d'être un homme, 1968
Archivi
– Fondo presso ZBZ
Bibliografia
Plans-fixes, [film], 1979
– E. Dufour-Kowalski, J. Hersch, présence dans le temps, 1999 (con elenco delle op.)
– E. Deuber Ziegler, N. Tikhonov (a cura di), Les femmes dans la mémoire de Genève, 2005, 250 sg.

Autrice/Autore: Lucienne Hubler / bel