Chénens

Com. FR, distr. Sarine, situato sulla strada cant. Friburgo-Romont (FR); (1138: Cheineis; antico nome ted. Geiningen). Pop: 204 ab. nel 1811, 263 nel 1850, 369 nel 1950, 316 nel 1970, 554 nel 2000. La fam. nobile de C. è menz. dal XII sec. Nel 1248 Raynald de Vaumarcus e Jordan de Cottens, suo genero, rinunciarono alle loro pretese sul villaggio a favore di Conon e Pierre de C. Il convento della Fille-Dieu acquisì numerosi diritti e la metà della decima. C. è menz. come media via (luogo d'incontro) in diversi trattati conclusi nel XIV sec. fra Berna, Friburgo e il conte di Savoia, che misero fine ai litigi fra i Friburghesi e i sudditi della signoria di Vaud. C. fece parte delle Anciennes Terres ("bandiera" della Neuveville) al più tardi dal 1442, del distr. di Romont dal 1798 e di quello di Friburgo dal 1803 al 1848. Il villaggio dipende dalla parrocchia di Autigny; la cappella di Nostra Signora venne ricostruita nel 1584 e dopo l'incendio del 1750. C. divenne sede di una cappellania nel 1866. Nel 1842 venne inaugurata la stazione ferroviaria sulla linea Friburgo-Romont (FR). Attualmente a C. predominano l'allevamento e l'agricoltura (centro di raccolta dei cereali della regione), e sono attive alcune piccole industrie.


Bibliografia
– Dellion, Dict., 1, 301-309

Autrice/Autore: Marianne Rolle / pcr