No 7

Grimm, Rosa

nascita 27.1.1875 Odessa, morte 12.11.1955 Oetwil am See, isr., di Hinwil. Figlia di Wolf Schlain e di Edlewod Fatik, di Kichinev (oggi Chisinau, Moldavia). ∞ 1) (1894) Jovel Reichesberg, scrittore; 2) (1908) Robert G. ( -> 6 ). Discendente di una benestante fam. borghese di commercianti ebrei, studiò con interruzioni dal 1893 al 1904 a Berna. Dopo il secondo divorzio si trasferì a Zurigo, dove lavorò nella libreria della Gioventù socialista (1916). Nell'estate del 1919 collaborò alla redazione del giornale basilese Vorwärts. Esponente dell'ala sinistra del partito socialista sviz., fu cofondatrice del partito comunista sviz. (1921). Nel 1921 fu delegata sviz. al terzo congresso del Komintern a Mosca. Negli anni 1920-30 si recò ripetutamente in Unione Sovietica, dove nel 1930-31 divenne collaboratrice della sezione delle edizioni del Komintern. Nello stesso periodo continuò la collaborazione con il Vorwärts. Penna pungente e ironica, trattò in particolare le questioni femminili e il marxismo, fu autrice di recensioni teatrali e letterarie, e dal 1921 al 1926 fu responsabile del supplemento letterario Der Weggefährte. All'inizio degli anni 1930-40 si espresse criticamente nei confronti dell'Unione Sovietica, ma rimase un leale membro del partito comunista. Nel 1943 aderì nuovamente al partito socialista.


Bibliografia
– B. Studer, «R. Grimm (1875-1955)», in Auf den Spuren weiblicher Vergangenheit, 1988, 183-198
– B. Studer, Un parti sous influence, 1994
– B. Studer, Sous l'œil de Moscou, 1996
– C. Arni, Entzweiungen, 2004

Autrice/Autore: Brigitte Studer / sma