• <b>Rosa Bloch-Bollag</b><br>Ritratto anonimo, ca. 1920 (Schweizerisches Sozialarchiv, F Ka-0002-046).

No 13

Bloch [-Bollag], Rosa

nascita 30.6.1880 Zurigo, morte 13.7.1922 Zurigo, isr., di Zurigo. Figlia di Berthold, commerciante di cereali, e di Julie Guggenheim. ∞ Siegfried B., direttore dello Schweizerisches Sozialarchiv. Originaria di una fam. di commercianti all'ingrosso impoveriti, B. lavorò come rappresentante di una gioielleria zurighese, il che indusse la Neue Zürcher Zeitung ad attribuirle il soprannome di Brillanten-Rosa. Inizialmente anarchica, si convertì progressivamente al marxismo rivoluzionario. Si distinse per la sua pronta intelligenza, per il suo talento retorico, per le solide conoscenze teoriche e per l'instancabile azione agitatoria. Nel febbraio-marzo del 1918 fece parte dell'ala sinistra del comitato di azione di Olten. B. svolse un ruolo di primo piano in seno al movimento femminile socialista. Nel giugno del 1918 guidò a Zurigo una dimostrazione di donne contro il rincaro; difese poi con pieno successo i diritti rivendicati davanti al Consiglio cant. Nello stesso anno divenne la prima pres. della commissione centrale dell'agitazione femminile del partito socialista sviz., cui aveva aderito nel 1912, e assunse la redazione del giornale delle operaie Die Vorkämpferin, per il quale scrisse articoli apprezzati per l'impegno e la formulazione arguta. Dopo la scissione del PS nel 1920, dal 1921 fece parte del partito comunista, mentre suo marito rimase socialista. Morì nel 1922 in seguito a un'operazione mal riuscita. Detestata e temuta dalla borghesia, B. fu fra le donne più combattive e brillanti del movimento operaio zurighese e sviz.

<b>Rosa Bloch-Bollag</b><br>Ritratto anonimo, ca. 1920 (Schweizerisches Sozialarchiv, F Ka-0002-046).<BR/>
Ritratto anonimo, ca. 1920 (Schweizerisches Sozialarchiv, F Ka-0002-046).
(...)


Bibliografia
Volksrecht, 14.7.1922
Vorwärts, 15.7.1922
– H. U. Jost, Linksradikalismus in der deutschen Schweiz 1914-1918, 1973, 105
– H. U. Jost, Die Altkommunisten, 1977

Autrice/Autore: Annette Frei Berthoud / mpa