Chens-sur-Léman

Com. del Dip. dell'Alta Savoia (F); (1954: C., in passato Chens). Situato sulle sponde del Lemano, alla frontiera franco-sviz. (dogana a Chens-le-Pont), C. è disposto lungo la strada che porta da Hermance a Yvoire. Pop: 40 fuochi nel 1443, 628 ab. nel 1896, 1063 nel 1990. Nella località sono state rinvenute vestigia risalenti al Neolitico e all'età del Bronzo. La chiesa, un tempo situata a Cusy, venne costruita a C. nel 1809 e inaugurata nel 1827. Un tempo filiale di Hermance, Chens-Cusy venne eretta a parrocchia nel 1865. Nel villaggio fu costruita la prima aula scolastica nel 1825 e il primo edificio com. che riuniva la scuola e il municipio nel 1858. Fondato verso il 1880 in località Sous-Cusy, l'orfanotrofio Saint-Joseph-du-Lac fu chiuso nel 1927. Il castello di Beauregard, risalente alla metà del XIII sec., dipese dai conti di Ginevra fino a Robert (fine XIV sec.). Nel XVII sec. e fino al 1670 appartenne alla fam. Budé di Ginevra. A Tougues, infine, vi è un imbarcadero.


Bibliografia
– H. Baud, J.-Y. Mariotte, Le Chablais, 1980, 308 (rist. 1994)
Chens-Cusy à travers les âges, 1986

Autrice/Autore: Anne-Marie Piuz / czu