02/07/2014 | segnalazione | PDF | stampare | 

Bicocca, battaglia della

Nel 1521 il trattato di Lucerna tra i Conf. e la Francia aveva stabilito la fornitura alla Francia di un contingente di truppe mercenarie sviz. (formato da 6000 a 16'000 uomini). In forza di questo trattato gli Svizzeri ebbero una parte importante nella battaglia della Bicocca, località a nord di Milano, in cui si affrontarono gli eserciti di Francesco I, mossosi alla riconquista di Milano, e di Carlo V. Il 1.3.1522 le truppe conf., guidate da Albrecht vom Stein di Berna, Arnold Winkelried di Untervaldo e Ulrico de Sacco, di San Gallo, si unirono a quelle franc., capitanate dal maresciallo de Lautrec. Lo scontro con le forze di Carlo V, guidate da Prospero Colonna, ebbe luogo il 27.4.1522; l'imperatore ne uscì vincitore. Questa sconfitta, unitamente a quella di Pavia del 1525, segnò per gli Svizzeri l'impossibilità di proseguire la loro politica di espansione nell'Italia settentrionale.


Bibliografia
– E. Rott, Histoire de la représentation diplomatique de la France auprès des cantons suisses, de leurs alliés et de leur confédérés, 1, 1900
– S. Frey, «Le guerre milanesi», in Storia militare svizzera, parte 1, fasc. 2, 1936, 304-403

Autrice/Autore: Alessandra Maffioli