Massonnens

Com. FR, distr. Glâne; (929-930: Mansaningis o Massaningis). Situato su un terrazzo che domina la riva destra della Neirigue, comprende il villaggio di M. e la frazione di Ferlens. Pop: 282 ab. nel 1811, 344 nel 1850, 377 nel 1900, 413 nel 1950, 316 nel 1980, 403 nel 2000. Sono state rinvenute alcune tombe, di datazione incerta, e reperti isolati dell'epoca romana. Nel ME M. costituiva una piccola signoria; una fam. nobile con lo stesso nome è attestata nel XIII e nel XIV sec. Nel 1532 François de Billens, signore di Macconnens, vendette a Friburgo i diritti che vi possedeva. M. fu allora integrata nel baliaggio di Pont-Farvagny fino al 1798, in seguito ai distr. di Romont (1798-1803) e Farvagny (1803-1848). Sul piano ecclesiastico M. fece capo a Orsonnens prima di essere eretta a parrocchia autonoma nel 1665. Nel com. si trovano una cappella (attestata nel 1540) e una chiesa (consacrata nel 1672, sostituita da un nuovo edificio nel 1857) intitolate a S. Maurizio. La cooperativa casearia fu fondata nel 1888. Nel 2000 il com. contava 24 aziende agricole (allevamento). Nel 2007 a M. erano attivi un'officina meccanica, un'impresa di trasporti e un commercio di calzature e pelli (un tempo conceria).


Bibliografia
– Dellion, Dict., 8, 337-350
– P. Deillon, Massonnens, ms. collegio Saint-Michel Friburgo, 1984

Autrice/Autore: Evelyne Maradan / frm