Pugnale

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

Il pugnale sviz. (ted. Schweizerdolch), così chiamato attorno al 1500 per il favore che godeva come arma da campo presso i Conf., è un pugnale a lama corta, linguiforme e a doppio taglio, con impugnatura convessa, pomo e guardia semilunari piegati l'uno verso l'altra. Nel fodero, di legno o cuoio, venivano talvolta conservati un piccolo coltello e una lesina. Ne sono state tramandate raffigurazioni realizzate da Urs Graf il Vecchio, Niklaus Manuel (ca. 1484-1530) e Hans Holbein il Giovane. Dopo il 1550 divenne un'arma ornamentale e un simbolo di distinzione sociale per i ceti superiori. Fodero e impugnatura erano per lo più realizzazioni artistiche in metallo dorato e spesso decorati con scene di storia biblica, antica o conf. Il pugnale sviz. scomparve attorno al 1600. In tutto il mondo sono noti ca. 150 pugnali nello stile del tardo XVI sec., di cui più della metà sono imitazioni o contraffazioni del XIX sec. Esso servì da modello per il pugnale da ufficiale introdotto nell'esercito sviz. nel 1943.


Bibliografia
– H. Schneider, Der Schweizerdolch, 1977
– F. Egger, Der Schweizerdolch mit dem Gleichnis des verlorenen Sohnes, 2001
– F. Egger «Der Schweizerdolch - von der Waffe zum Symbol», in Waffen- und Kostümkunde, 2007, fasc. 2, 99-115

Autrice/Autore: Franz Egger / ggm