16/09/2010 | segnalazione | PDF | stampare

Fischenthal

Com. ZH, distr. Hinwil; (878: Fiskinestal). Il più vasto com. rurale zurighese è situato nell'alta valle della Töss sul valico che porta nella valle della Jona. Comprende le località di F., Gibswil e Steg come pure ca. 100 insediamenti sui monti della valle della Töss. Pop: 466 ab. nel 1634, 1789 nel 1771, 2814 nel 1836, 2394 nel 1850, 2052 nel 1900, 1694 nel 1941, 1837 nel 1950, 1987 nel 1960, 1605 nel 1980, 1961 nel 2000.

Una donazione di beni al convento di San Gallo nell'878 attesta la colonizzazione della vallata. Una fortezza a ovest di Steg fu probabilmente sede dei von Steg, ministeriali al servizio dei von Kyburg menz. nel XII sec. La fondazione della chiesa di F., dedicata a S. Gallo e attestata nel 1275, risale probabilmente al IX o X sec. Nel 1390 il barone Heinrich von Tengen donò i diritti di collazione al convento di Rüti, che in occasione della Riforma passarono a Zurigo (1525). Attorno al 1300 gli Asburgo possedevano i diritti di avogadria sugli uomini liberi di F. La bassa giurisdizione passò nel 1425 a Hans Kleger von Steg, che la vendette alla città di Zurigo. Nel 1424 l'alta giustizia passò con la contea di Kyburg a Zurigo, che riunì F. al baliaggio di Grüningen. Nel 1511 è attestato uno statuto relativo alla curtis di F., mentre un decreto volto a limitare l'accesso alla cittadinanza risale al 1562. Già nel ME il territorio com. era attraversato da una variante (Schwabenweg) della via di pellegrinaggio per Santiago di Compostella; la locanda Zum Steg, situata presso la deviazione per il passo di Hulftegg che porta nel Toggenburgo come pure la locanda Zum Hauptmann a Fistel, entrambe attestate nel XVI sec., erano ospizi per i pellegrini. Sul territorio parrocchiale fu costituito nel 1798 il com. politico, assegnato al distr. di Wald e in seguito al distr. di Hinwil (1831). Nel XIX sec. F. fu suddiviso nei com. scolastici di Oberhof, Boden, Länzen, Hörnli, Strahlegg, Gibswil e Bodmen. Nella zona montana prevaleva la pastorizia; la campicoltura, praticata più in basso, declinò rapidamente in seguito allo sviluppo dell'industria tessile a domicilio nel XVIII sec. Nel 1787 la filanda occupava il 60% della pop. Dopo il 1840 l'estrema povertà provocò un'ondata migratoria, nonostante la tessitura a mano, l'industria del legno e del vimini e il ricamo avessero creato nuove opportunità di lavoro a domicilio. La costruzione della strada tra Bauma e Wald (1839) e delle stazioni ferroviarie di Steg, F. e Gibswil (1876) migliorarono i collegamenti con la valle principale. Lungo questa via di comunicazione si insediarono filature meccaniche (1817, 1860) e tessiture (1868, 1906). Le eccessive bonifiche nei pressi delle sorgenti della Töss provocarono ripetute erosioni e inondazioni (1850-80). Pertanto dal 1898 al 1920 il cant. Zurigo si occupò del rimboschimento dei ripidi pendii abbandonati. La regione divenne in seguito una zona di villeggiatura e di escursioni. Nel 1970-71 fu costruita a Schmittenbach la chiesa catt. dedicata a S. Gallo. Durante gli anni 1990-2000 nei villaggi della valle si è sviluppata una crescente attività edilizia che ha favorito un considerevole aumento del numero di ab.


Bibliografia
– J. Senn, Ein Kind des Volkes, 1888
– O. Schaufelberger, Menschen am Schnebelhorn, 1942
MAS ZH, 2, 1943, 178-183
– H. Lüssi, Chronik der Gemeinde Fischenthal, 19782

Autrice/Autore: Ueli Müller / sma