Borgogna (langraviati)

I langraviati di B. (ze Búrgenden) e di Burgundia circa Ararim si formarono nell'area dell'Alta Argovia e della Svizzera franc., al posto di antiche contee carolinge (Bargengau, Ufgau, Argovia, Alta Argovia ecc.) ma senza legami di successione con esse e probabilmente solo dopo l'estinzione dei duchi von Zähringen, titolari del rettorato di B., dopo il 1218 (Langraviati). Oltre a custodire proprietà imperiali e a tutelare la pace territoriale, i langraviati di B. servivano come istanza giudiziaria per nobili, ecclesiastici e contadini liberi.

Il langraviato di Burgundia circa Ararim, comprendente le zone a sinistra dell'Aar fra la catena dello Stockhorn e il Giura (fino alla Siggern), ebbe dal 1276 come langravi i conti de Neuchâtel-Nidau; dopo la loro estinzione (1375) la contea (detta in seguito contea di Nidau), passò a Berna con la signoria di Nidau (1388 e 1393). Almeno dal 1239/40 la carica di langravio di B. era esercitata dal conte von Buchegg, indicato fin dal 1252 come lancravius (langravius Burgundie dal 1286); nel 1313 il duca austriaco costrinse i von Buchegg a rinunciarvi a favore dei conti von Neu-Kyburg. Il titolo di langravio, che dapprima spettava al maggiore dei figli maschi, in seguito fu condiviso tra i diversi discendenti. Esteso a destra dell'Aar dall'Oberland bernese ai piedi del Giura, il langraviato di B. comprendeva l'Alta Argovia e la regione del Napf; l'alta giustizia vi era esercitata nella giurisdizione esterna di Thun e nelle giurisdizioni di Ranflüh (Emmental), Konolfingen, Zollikofen e Murgeten (Murgenthal). Ogni giurisdizione aveva varie sedi di tribunale (Dingstätte), dove il langravio chiamava a turno gli ab. della zona alla Corte penale (Landtag), che giudicava i reati passibili di pena capitale quali la rapina, l'assassinio, l'omicidio e l'incendio doloso. Vari statuti (1387-1409) stabilivano limiti e competenze delle giurisdizioni, che nel XIV sec. acquisirono importanza a spese del langraviato; quest'ultimo passò negli anni 1406-08, assieme a titoli giur. ambiti, alla città di Berna, che già durante la guerra di Burgdorf aveva acquisito parti delle zone soggette ai von Neu-Kyburg. Nei due langraviati Berna sviluppò la sua rete di baliaggi, avocando gradualmente a sé tutti i diritti di sovranità territoriale (alta giustizia, tributi, leva militare, caccia, pesca, boschi d'alto fusto ecc.); benché dal XV sec. entrambi i territori avessero perso la loro funzione di baliaggi imperiali, fino al XVII sec. il loro possesso servì appunto a corroborare le pretese bernesi di sovranità territoriale.

Le denominazioni di Piccola B. per il langraviato di B. e di B.-Aar per quello di Burgundia circa Ararim, entrate erroneamente nell'uso storiografico, vennero coniate nel XVI sec. da Aegidius Tschudi.


Fonti
FDS BE, II/10 (intr.)
Bibliografia
– K. H. Flatt, Die Errichtung der bernischen Landeshoheit über den Oberaargau, 1969
– A.-M. Dubler «Adels- und Stadtherrschaft im Emmental des Spätmittelalters», in AHVB, 90, 2013, 33-109

Autrice/Autore: Anne-Marie Dubler / vfe