30/01/2006 | segnalazione | PDF | stampare

Grünenberg

Nell’edizione a stampa questo articolo è corredato da un’immagine. È possibile ordinare il DSS presso il nostro editore.

Signoria nobiliare (XII-XV sec.) e roccaforte situata nel com. di Melchnau (BE), che con Langenstein e Schnabelburg forma un complesso fortificato costituito di tre elementi. Lungo ca. 200 m, nel ME fu il centro culturale della nobiltà nell'Alta Argovia. Situata nella regione Alta Argovia-Lucerna, la signoria degli ultimi baroni von Langenstein (menz. nel 1191) passò in parte al convento di Sankt Urban da loro fondato (1194) e in parte a eredi nobili, come i baroni von G., importante fam. aristocratica dell'Alta Argovia. La fam. era suddivisa in diversi rami (Schnabel von G., Grimm von G.), che risiedevano nelle tre fortezze, attorno alle quali si estendeva una piccola signoria fondiaria e giurisdizionale di loro proprietà (villaggi di Melchnau, Gondiswil, Madiswil, Busswil, Leimiswil, Reisiswil). Al vasto raggio d'influenza dei von G., che si estendeva dall'Albis fino all'Oberland bernese, nel corso del XIV e XV sec. si aggiunsero per un certo periodo ulteriori possedimenti: signorie acquisite tramite matrimonio (per esempio Aarwangen), feudi di San Gallo (la giurisdizione di Rohrbach) e dei von Kyburg (il villaggio Bleienbach), come pure i beni detenuti in pegno degli Asburgo e dai von Kyburg (come Huttwil, l'Entlebuch, Rotenburg, Wangen an der Aare). Durante la guerra di Burgdorf (1383), i Bernesi distrussero le fortezze di G. e Schnabelburg; la prima fu ricostruita, mentre la seconda rimase in rovina. Signoria e fortezze furono cedute a Berna nel XV sec. in parte direttamente dai baroni e in parte dai von Luternau, loro eredi: la città acquistò Aarwangen (1432), occupò e annesse la fortezza e parte della signoria di G. (1444) e acquistò la fortezza di Langenstein e il resto della signoria (1480). Berna sottomise questi territori al baliaggio di Aarwangen (1455 e 1480) e lasciò andare in rovina le tre fortezze (nel XIX sec. utilizzate come cave di pietra). Dal 1947 un tetto protegge il pavimento dell'ex cappella medievale del castello, formato da laterizi fabbricati a Sankt Urban.


Bibliografia
– K. H. Flatt, Die Errichtung der bernischen Landeshoheit über den Oberaargau, 1969
– M. Jufer, Die Freiherren von Langenstein-Grünenberg, 1994
– D. Gutscher, Die Burganlage Grünenberg bei Melchnau, 1996

Autrice/Autore: Anne-Marie Dubler / sma