Leuk (decania, distretto)

Decania vallesana fino al 1798, distr. del cant. Vallese durante l'Elvetica (1798-1802, con Hohtenn, Steg e L÷tschental, che in precedenza avevano fatto parte della decania di Raron), decania della Repubblica del Vallese (1802-10, senza i territori un tempo appartenuti a Raron), cant. nella circoscrizione di Sion del Dip. franc. del Sempione (1810-14), decania (1815-48) e in seguito distr. del cant. Vallese. Secondo lo stato attuale della ricerca, la decania di L. si svilupp˛ in misura preponderante a partire dall'unitÓ amministrativa episcopale della parrocchia medievale di L.; come il successivo distr., si estendeva dalla Lonza (nei pressi di Gampel) fino alla Raspille (a ovest di Salgesch) e comprendeva Agarn, Albinen, Bratsch, Ergisch, Erschmatt, Gampel, Guttet-Feschel, Inden, L., Leukerbad, Oberems, Salgesch, Turtmann, Unterems e Varen.

Nel 1338 la decania si fece confermare l'ordinamento giur. e le franchigie dal signore territoriale, il vescovo di Sion. La suddivisione della decania in terzieri Ŕ attestata dall'inizio del XVII sec.: il terziere di L. con Leukerbad, il terziere "von Zuben auf" comprendente Albinen, Guttet-Feschel, Erschmatt, Bratsch con Enggersch, Gampel con Jeizinen, e il terziere "ennet dem Rottem" con Ergisch, Turtmann, Oberems, Unterems, Agarn, Varen e Salgesch. Ogni terziere disponeva di diritti elettorali e aveva obblighi di tipo politico, militare e amministrativo.

Alla testa della decania vi erano un maior, che in origine si occupava soprattutto dell'amministrazione economica, e un visdomino; entrambe le cariche erano assegnate in feudo dal vescovo. Inizialmente detentore dell'alta e della bassa giustizia, attorno al 1300 il visdomino venne limitato nelle sue competenze dal maior: il primo amministrava la giustizia nei mesi di maggio e ottobre e durante la notte, il secondo negli altri dieci mesi. Dato che la decania non disponeva di un boia, il visdomino assisteva l'usciere durante l'esecuzione delle sentenze di morte; nel XV sec. vigilava inoltre sui pesi e sulle misure. Detenuto dalla fam. von Raron, il visdominato pass˛ nel 1441 alla fam. Perrini, con cui era imparentata. Nel 1613 Nikolaus Perrini rimise la carica di visdomino agli ab. della decania, che tuttavia non la riunirono a quella di maior, ma istituirono una nuova funzione, quella di castellano: rinnovabile ogni due anni e ricoperta a turno secondo la rotazione dei terzieri, venne soppressa alla fine del XVIII sec. Il primo castellano fu Michael Mageran. La carica di maior pass˛ invece dapprima dalla fam. de Leuca (Jakob de Leuca fu il primo a rivestirla nel 1226) ai signori d'Ayent, ai de Blonay tramite unione matrimoniale (1275) e a Rudolf von Raron (ca. 1350). Alla fine del XIV sec. le decanie limitarono progressivamente il potere e le competenze giudiziarie del vescovo, arrogandosi anche il diritto di eleggere il maior, che da quel momento condivise l'amministrazione della giustizia con il castellano. Altre cariche di rilievo all'interno della decania furono fino al 1798 quelle di capitano e di alfiere, con competenze militari. Diverse funzioni venivano spesso assunte al termine del mandato di maior.

Dal 1848 il distr. di L. (cosý come gli altri) ha alla sua testa un prefetto, nominato dal Consiglio di Stato, che presiede il Consiglio distr. Nel 2000 il Consiglio distr. Ŕ stato affiancato dalla Regione L., ass. di cui fanno parte i com. del distr. e il prefetto. La Regione L. ha un proprio ufficio a Susten; il suo Consiglio si occupa in particolare di progetti infrastrutturali e socioculturali, fra l'altro sulla base delle direttive della legge fed. sull'aiuto agli investimenti nelle regioni montane. Il distr. di L. costituisce una circoscrizione elettorale cant. e, assieme alle parrocchie germanofone di Sierre e Sion, un decanato della diocesi di Sion.


Fonti
– A. Heusler, Rechtsquellen des Cantons Wallis, 1890
Bibliografia
– F. Schnyder, źDer Fennerhandel im Drittel "zer Zuben auf" des Bezirkes Leuk 1757-1758╗, in Walliser Jahrbuch, 1939, 67-69
– Biner, AutoritÚs VS
– H. R. Ammann, źDas Vizedominat von Leuk (1235-1613)╗, in BWG, 18, 1985, 415-465
– H. R. Ammann, źMeiertum und Meier von Leuk im 13. und 14. Jahrhundert╗, in BWG, 19, 1987, 209-231

Autrice/Autore: Alois Grichting / lca