05/11/2004 | segnalazione | PDF | stampare | 

Briga (decania, distretto)

Una delle sette decanie vallesane fino al 1798, distr. (decania) del cant. Vallese durante l'Elvetica (1798-1802), decania della Repubblica del Vallese (1802-10), circoscrizione e cant. del Dip. franc. del Sempione (1810-14), poi decania (1815-48) e dal 1848 distr. del cant. Vallese.

Le origini della decania sono incerte; forse si trattava di una circoscrizione giudiziaria e amministrativa della contea del Vallese nel basso ME. Non è da escludere che si fosse sviluppata dalla pieve di Naters (che appare nelle fonti per la prima volta nel 1018), in cui gran parte del territorio decaniale era compreso fino a XVII sec. inoltrato; va tuttavia considerato che la parrocchiale di Visp riscuoteva le decime nel territorio della decania, e la pieve di Naters a sua volta nella decania di Visp. Nel 1079 l'imperatore Enrico IV donò la curtis di Naters, con tutti i suoi possedimenti, al vescovo di Sion, che la organizzò dal profilo giudiziario e amministrativo attraverso la designazione di visdomini e maior. Queste due cariche, divenute ereditarie, all'inizio del XIV sec. furono riunite dal vescovo nelle mani di un castellano, designato dal vescovo e residente a Naters nella fortezza di Supersaxo (auf der Flüe). La pop. della decania, tuttavia, riuscì a influire in misura sempre più crescente sulla scelta del castellano, che si avocò poi del tutto nel 1418; dal 1358 i castellani provennero, con poche eccezioni, da casati non nobili. La decania era divisa in sei circoscrizioni e mezzo, dette Gumper (o compra): Naters, Rischinen, Mund, Briga, Brigerberg, Sempione e la mezza-Gumper di Zwischbergen. Oltre al vescovo di Sion, signore territoriale, erano detentori di beni fondiari nel territorio della decania anche il capitolo cattedrale di Sion e vari casati signorili quali gli ab der Flue (de Saxo), d'Aosta, d'Ornavasso, von Weingarten, von Mund, von Mörel e Rod(i)er.

Dal XIV-XV sec. il graduale processo di affrancamento dalla signoria si svolse in parallelo alla formazione dei com. L'ipotesi di un com. unico originario (Naters) è poco plausibile; più probabili sono processi di concentrazione intorno a numerose curtes antiche. Queste unità insediative ed economiche furono in seguito (probabilmente nel XIII sec.) sostituite dai com., enti giur. dotati di organi propri; sono menz. come collettività di questo tipo Glis nel 1252 (?), auf der Flüe e (non localizzabile esattamente) ab Dorf nel 1306, Naters e Simplon nel 1307, Birgisch nel 1320, Eggerberg nel 1321, Ried (oggi com. Ried-Briga) e Termen nel 1349, Gamsen nel 1354, Alpjen e Gondo nel XIV sec., Mund nel 1427. Nel 1552 erano legate alla decania di B. anche Täsch e Randa, che tuttavia si trovavano nel territorio della decania di Visp.

Fino al 1518 il capoluogo della decania fu Naters, poi Briga. Un sigillo è menz. nel 1341, ma il primo effettivamente noto è del 1368; il patibolo sorgeva sulla strada Glis-Gamsen, la spada della decania risaliva al 1638. L'emanazione di apposite ordinanze regolò negli anni 1418, 1459, 1518 e 1545 l'apparato e la procedura giudiziaria e l'esecuzione forzata, nel 1507 i prezzi e i pesi del pane, nel 1540 la bestemmia, la santificazione della domenica e il vizio del bere, nel 1579 il diritto di prelazione. Organi della decania erano l'assemblea e il castellano, eletto ogni anno, che guidava l'amministrazione e il tribunale; gli affari correnti erano trattati da un Consiglio, secondo le istruzioni dell'assemblea o in preparazione ad essa. Il comando militare era affidato a un banderale e capitano della decania, in genere eletto a vita. Al tribunale della decania si affiancavano i tribunali delle sotto-castellanie di Sempione (1352) e Zwischbergen (XV sec.), i tribunali liberi di Wald (1407), Finnen (1427) e Ganter (1437) e la castellania del capitolo cattedrale nel Wickert di Glis (1320 ca.). La decania concluse autonomamente alleanze e trattati, fra l'altro con i com. dell'alto Vallese (trattato di protezione, 1355), con Domodossola (1383), con i tre cant. primitivi (comborghesia, 1417) e con la Spagna (1615). Il distr. attuale comprende i com. di Birgisch, Briga-Glis, Eggerberg, Mund, Naters, Ried-Briga, Sempione, Termen e Zwischbergen.


Bibliografia
– D. Imesch, «Der Zenden Brig bis 1798», in BWG, 7, 1930, 103-224
– L. Carlen, Brig, 1968

Autrice/Autore: Louis Carlen / vfe