17/11/2004 | segnalazione | PDF | stampare | 

Bützberg

Antica giurisdizione nel com. Thunstetten (BE); (1267: Bucceberc). Villaggio dedito all'avvicendamento delle colture, lungo la strada e la ferrovia che collegano Herzogenbuchsee e Langenthal. Ritrovamento di tumuli del periodo di Hallstatt. Menz. come villa nel 1278, attestato per la prima volta come villaggio nel 1317, B. possedeva vasti beni comuni su cui anche Thunstetten, Schoren e Langenthal, fra l'altro, avevano diritti di pascolo. Nel XIII sec. il monastero di Sankt Urban vi possedeva beni e diritti di decima. In seguito la commenda gerosolimitana di Thunstetten acquistò fattorie e diritti nella regione, integrando B. nella sua signoria fondiaria e giurisdizionale. Dal 1721 B. formò una giurisdizione propria, separata dalla nuova signoria di Thunstetten e soggetta al balivo di Aarwangen. Nel villaggio l'artigianato iniziò a svilupparsi nel 1710, quando B. fu raggiunta dalla nuova carrozzabile per Berna; verso il 1780, con 31 case e una locanda, B. era già la frazione più importante di Thunstetten. La pop. doveva integrare i redditi agricoli con attività accessorie (estrazione di torba, tessitura a domicilio e, nel XIX sec., fabbricazione di articoli di paglia intrecciata e zoccoli); dal 1861 al 1914 fu attiva una ditta che commerciava formaggi. La stazione ferroviaria della linea Olten-Berna (1857-1983) e la vicinanza di Langenthal favorirono l'industrializzazione: nel villaggio sorsero una vetreria (1903), una fabbrica di lucido da scarpe (1920), una di surrogati del caffè (1932) e una di mobili (1947). Dagli anni '60 l'industria ha puntato anche su altri settori (costruzione di mulini, apparecchi e cucine, magazzini di deposito). A B. si concentrano l'economia e buona parte della pop. di Thunstetten; dal 1924 vi ha sede anche l'amministrazione com.


Bibliografia
– A. Kümmerli, Heimatbuch von Thunstetten, 2 voll., [1952-1958]

Autrice/Autore: Anne-Marie Dubler / vfe