Muggio, valle di

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

Valle TI, distr. Mendrisio. Confinante per metà del suo perimetro con l'Italia e percorsa dal torrente Breggia, è la valle più meridionale del Ticino. Comprende sulla sponda destra il com. di Castel San Pietro e sulla sinistra quello di Breggia. Pop: 3963 ab. nel 2005. Naturale via di transito tra Como e la val d'Intelvi abitata già in epoca romana, nel passato formava probabilmente un'unica comunità. Nel ME alcune istituzioni religiose, fra cui spec. il capitolo cattedrale di Como, vi detenevano dei possedimenti. In ambito amministrativo ed ecclesiastico la valle di M. faceva capo alla pieve di Balerna. Regione agricola, vi si praticavano l'economia alpestre, come è attestato fra l'altro dalla presenza di numerose nevere - edifici solitamente a pianta circolare utilizzati come ghiacciaie per la conservazione dei latticini -, la coltivazione di cereali, patate e in alcune zone del gelso e della vite e lo sfruttamento di boschi e selve (legname e castagne); queste attività erano integrate da una costante emigrazione periodica e, non di rado, definitiva. Dal decennio 1950-60 le occupazioni tradizionali hanno perso importanza e ora si limitano alla produzione casearia (spec. zincarlin, formaggio tipico della valle di M.). Nel 1979 è stata fondata la Regione valle di M., val Mara e Salorino che si propone di promuovere lo sviluppo economico, sociale e culturale del suo territorio. Il Museo etnografico della valle di M., fondato nel 1980, ha sede dal 2003 nella casa Cantoni a Cabbio. Dopo un lungo periodo di costante declino demografico, accompagnato dall'invecchiamento della pop., dal decennio 1980-90 si nota un'inversione di tendenza, che ha trasformato molti com. soprattutto nella bassa valle in com. residenziali. Recentemente si è pure sviluppato il turismo estivo.


Bibliografia
– P. Crivelli, S. Ghirlanda La Valle di Muggio, [film], 1990
– P. Crivelli, La nevèra e la lavorazione del latte nell'alta valle di Muggio, 19992
– T. Meyer, Il mulino di Bruzella e gli opifici idraulici della Breggia, 1999

Autrice/Autore: Stefania Bianchi