Piccola era glaciale

Viene definito Piccola era glaciale un periodo del secondo millennio, durato diversi sec., in cui i Ghiacciai su scala globale ricoprivano un'estensione leggermente maggiore rispetto all'inizio del XXI sec. A seconda delle aree geografiche e della precisione cronologica delle fonti a disposizione, esso viene fatto iniziare nella parte finale del XIII sec. o nei primi decenni del XIV sec.; la sua fine si situa nel XIX sec. Nella regione alpina risultano attestate tre fasi di avanzamento dei ghiacciai, culminate attorno al 1380, all'inizio del XVII sec. e nel 1860 ca. Ciascuna di queste fasi fu preceduta da un intervallo più lungo (Little Ice Age-type Events) in cui grandi eruzioni vulcaniche nei Tropici furono all'origine di primavere tendenzialmente più fredde e soprattutto da periodi di piena estate freschi e umidi, con nevicate abbondanti sulle Alpi (soprattutto 1340-80, 1570-1640, 1765-71, 1812-17, 1851-54). A questi momenti favorevoli all'avanzamento dei ghiacciai se ne alternavano altri dal clima più mite e altri ancora contraddistinti da estati calde e asciutte (soprattutto 1380-1420, 1530-60, 1718-30), durante i quali i ghiacciai si ritirarono leggermente. La Piccola era glaciale non deve dunque essere intesa come un periodo di freddo uniforme. Sotto l'influsso della Bise, il clima dell'Europa centrale si caratterizzò per un numero maggiore di inverni e di periodi primaverili freddi e secchi. Le corrispondenze con i risultati della ricerca storica sugli effetti del clima sono palesi: la coltivazione dei cereali, la viticoltura e l'economia lattiera patirono nella stessa misura di primavere fredde (soprattutto aprile) associate a periodi di pioggia di diverse settimane in piena estate. Durante le fasi favorevoli all'avanzamento dei ghiacciai, e soprattutto tra il 1570 e il 1630, i danni causati dalle condizioni climatiche conobbero un significativo aumento e furono all'origine di frequenti rincari dei generi alimentari. Dalla fine della Piccola era glaciale i ghiacciai hanno continuato a ritirarsi come non si era mai verificato nel secondo millennio.


Bibliografia
– AA. VV., Klimawandel im Schweizer Alpenraum, 2000
– J. Grove, «The Initiation of the "Little Ice Age" in Regions round the North Atlantic», in Climatic Change, 48, 2001, 53-82
– C. Pfister, «Klimawandel in der Geschichte Europas», in Österreichische Zeitschrift für Geschichtswissenschaften, 12, 2001, n. 2, 7-43
– AA. VV., «Reconstruction of Sea Level Pressure Fields over the Eastern North Atlantic and Europe back to 1500», in Climate Dynamics, 18, 2002, 545-561
– AA. VV., «Historical climatology in Europe», in Climatic Change, 70, 2005, 363-430
– C. Pfister, «Weeping in the Snow», in Kulturelle Konsequenzen der "Kleinen Eiszeit", a cura di W. Behringer et al., 2005, 31-85

Autrice/Autore: Christian Pfister / cbo