29/01/2009 | segnalazione | PDF | stampare | 

Mühlehorn

Com. GL situato sulla sponda meridionale del lago di Walenstadt, sul conoide alluvionale del Meerenbach; (1551: Mülihorn). Comprende l'omonimo villaggio, appartenente alla circoscrizione elettorale di Kerenzen e le frazioni di Vortobel, Tiefenwinkel e Mühletal sul confine cant. nordorientale. Pop: 538 ab. nel 1888, 531 nel 1900, 631 nel 1950, 441 nel 2000. M. figurò per la prima volta tra i possedimenti glaronesi all'inizio del XV sec. Fino al 1806 appartenne a Obstalden e fino al 1887 fece parte del Tagwen amministrativo di Kerenzen. Pescatori e battellieri furono probabilmente i primi a stabilirsi a M., ottimo punto di approdo. Nel 1575 a M. sono menz. per la prima volta dei proprietari di mulini. Il maglio risalente al XVIII sec. fu restaurato nel 1966 e rimesso in funzione nel 1971. Nel 1760 M. istituì una parrocchia rif. e nel 1759-61 fece costruire una chiesa sulla base di un progetto di Hans Ulrich Grubenmann. Nel XIX sec. l'economia del com. si basava sull'industria molitoria, sulla navigazione, sul commercio di legname e sull'allevamento del bestiame. Tra il 1837 e il 1840 fu costruita la prima scuola elementare, nel 1912 quella attuale. Nel 1859 M. fu collegato alla rete delle Ferrovie sviz. unite e nel 1964 a quella autostradale. La E. Fröhlich AG (dal 1998 Grob Horgen AG), che costruiva accessori per macchinari tessili, è stata il principale datore di lavoro fino alla sua chiusura nel 2004. Nel 2007 a M. esistevano due imprese edili e una cava di pietrisco duro. Nel 2005 il settore secondario offriva ca. due terzi dei posti di lavoro a M.


Bibliografia
– J. Winteler, Das Land Glarus, 1945, 137 sg.
– E. Menzi, Die Körperschaften am Kerenzerberg, 1986
– M. Elmer, Alte Hammerschmiede, 1987
– M. Elmer, 150 Jahre Schule, 75 Jahre Schulhaus Mühlehorn, 1989

Autrice/Autore: Karin Marti-Weissenbach / rza