02/06/2009 | segnalazione | PDF | stampare | 

Lox

Frazione del com. di Bernex (GE). L. dipese interamente dalla castellania, poi baliaggio di Ternier, che nel 1780 venne incorporato nella nuova provincia di Carouge. Fece capo alla parrocchia di Vuillonnex fino al 1600, quando quest'ultima fu annessa a Bernex. Fino al XVI sec. vi fu una cappella dedicata alla Vergine. Su iniziativa di Michel Lullin de Chteauvieux, nel XVIII sec. venne avviata a L. un'importante azienda agricola. Il marchese Benigno Bossi, che ne fu il proprietario dal 1841 al 1852, vi piant numerosi gelsi allo scopo di svilupparvi la sericoltura. Nel 1899 la tenuta e i suoi edifici furono venduti al cant. Ginevra, che li adib a ospizio cant. dei malati incurabili (Maison de Lox), oggi noto come ospedale di L. (trattamenti di riabilitazione).


Bibliografia
Tribune de Genve, 25 e 26.2.1950
– A. Brulhart, Lox, 2000

Autrice/Autore: Jacques Barrelet / gbp