Wangs

Com. patriziale e parrocchiale del com. di Vilters-W. (SG); (841: Uuangas; 1273: Wanges). Pop: 920 ab. nel 1880, 1150 nel 1950, 2155 nel 2000. I ritrovamenti pi¨ antichi risalgono alla tarda antichitÓ e all'epoca merovingia. Nell'841 l'imperatore Lotario I don˛ beni situati a W. alla cella di S. Maria a Serras (oggi Serris, sopra Flums) fondata da Verendarius, vescovo di Coira. Nel 980 l'imperatore Ottone II cedette la cappella di W. all'abbazia di Einsiedeln. Nel 1250 l'abbazia di Pfńfers concesse in feudo gli alpeggi di Gaffia e Vermii. Nel 1273 il maior di W. compare come testimone. Nel 1288 Ŕ menz. un diritto di decima di Pfńfers a W. La cappellania di W. Ŕ cit. la prima volta nel 1442 come firmataria di accordi. Durante la Riforma gli ab. di W., diversamente dalla maggior parte dei territori limitrofi, rimasero legati alla vecchia fede. Un ordinamento per l'alpe di Vermii (o alpe di Aebli) risale al 1598. GiÓ nel 1610 il villaggio era suddiviso in Hinterberg e Vorderberg. Sul piano ecclesiastico la pop. di W. faceva capo a Mels. W. condivide dal 1798 la storia politica di Vilters. Dopo il 1818 venne intrapresa la spartizione dei beni comuni nel Riet. Forti esondazioni del Kleinbach devastarono il villaggio nel 1840 e 1841, un grande incendio lo colpý nel 1861. Nel 1842 vennero accantonati 20'000 fiorini per la fondazione di una propria parrocchia, istituita nel 1881; la costruzione della chiesa di S. Antonio Eremita, in stile storicista, risale al 1880-82. Villaggio a carattere agricolo, conserv˛ una struttura sociale stabile fin dopo la seconda guerra mondiale, quando a W. si insediarono diverse piccole industrie. Dal 1954 una funivia collega il villaggio ai suoi monti e la regione del Pizol viene sfruttata dal turismo estivo e invernale.


Bibliografia
– W. Vogler, Wangs 841-1991, 1991
– F. Rigendinger, Wangser Kirchengeschichte 1881-2001, 2002

Autrice/Autore: Werner Vogler / sma