Berschis

Villaggio del com. di Walenstadt (SG; dal 1803), ai piedi del Sankt Georgenberg. Si compone del com. patriziale, della parrocchia e del com. scolastico; (831: Berganis, parte della curtis di Flums; 1253: Bersins). Pop: 464 ab. nel 1950, 429 nel 1970, 539 nel 1992, 572 nel 2000. Gli scavi del 1937 hanno rilevato che il Sankt Georgenberg era già abitato nel Bronzo finale. Il ritrovamento di monete, resti di muri, due cisterne scavate e una scala scolpita nella roccia lasciano supporre l'esistenza sul Sankt Georgenberg di una fortificazione, il cui scopo era di proteggere la strada secondaria Maienfeld-Mels-Heiligkreuz presso Mels-Walenstadt-lago di Walenstadt-Zurigo. In epoca tardoromana il sito serviva da rifugio. La lenta evoluzione della lingua romanza nel territorio di Sargans (XIII-XV sec.) tracciò un chiaro confine linguistico fra B. e Tscherlach, in seguito allo scontro di due ondate di germanizzazione, una proveniente da Sargans, l'altra da Weesen. Sul piano spirituale, B. dipendeva da Flums, dove il signore di Gräpplang deteneva il diritto di patronato (fino al 1528 il vescovo di Coira, poi i Tschudi di Glarona). Nel 1502 furono consacrate la cappella di S. Giorgio (probabilmente dell'XI/XII sec.) e la chiesa di S. Eusebio. Nel 1714 B. e Tscherlach si staccarono da Flums formando una parrocchia; nel 1845 si divisero a loro volta in due parrocchie, mantenendo in comune la casa parrocchiale. L'antica chiesa di S. Eusebio fu demolita e ricostruita fra il 1878 e il 1880. La comunità possedeva pascoli comuni, boschi e alpeggi (diritto di pascolo e alpeggio di Malun a partire dal 1475); nel 1486 le fu confermato il diritto di concedere la cittadinanza. Fino a metà del XIX sec. rimase in vigore il servizio di manutenzione obbligatoria per lo sbarramento della Seez e del ruscello che attraversa il villaggio. Nel 1549 fabbri conf. ottennero il diritto di allestire carbonaie nei boschi circostanti per alimentare l'altoforno di Flums. Un mulino è menz. nel 1625. Alla fine del XIX sec. e nel XX sec. alcune piccole imprese artigianali e industriali si sono aggiunte all'agricoltura tradizionale, ma sono in seguito scomparse. Nuove imprese hanno contribuito allo sviluppo economico della località alla fine del XX sec.


Bibliografia
MAS SG, 1, 1951
– R. Trüb, Die Sprachlandschaft Walensee-Seeztal, 1951

Autrice/Autore: Paul Gubser / rtu