27/06/2006 | segnalazione | PDF | stampare | 

Engi

Com. GL situato all'inizio della valle del Sernf, sulla riva destra, comprendente i tre insediamenti di Vorderdorf, Dörfli e Hinterdorf; (1350 ca.: ze engi). Pop: 267 cittadini glaronesi maschi nel 1777, 1197 ab. nel 1850, 1160 nel 1900, 1122 nel 1950, 656 nel 2000. Il ponte di E., menz. nel 1471, era già anticamente un importante punto di transito per la valle. Fino al 1395 il convento di Säckingen percepiva dei tributi a E., che in origine dipese dalla parrocchia di Glarona, dal 1273 da quella di Matt, la cui chiesa fu costruita in quegli anni. In seguito all'introduzione della Riforma nel 1528, il villaggio fa oggi parte della comunità rif. di Matt-E.; nel 1984 venne eretta una cappella catt. Nel 1408 fu acquistato da Glarona il Gandalp quale bene comune "della gente di E." (Tagwanlüt...ze Engi); dal tardo ME vi si pratica l'allevamento del bestiame con estivazione sull'alpe. Al più tardi a partire dal XVI sec. nella zona del Landesplattenberg si estrasse ardesia fino al 1961. Nella prima metà del XIX sec. si diffuse la tessitura artigianale del cotone, la cui crisi, assieme alla malattia delle patate, produsse dal 1845 un'ondata migratoria soprattutto verso il continente americano. Nel 1855 E. era considerato un "com. di mendicanti". Dal 1847 si insediarono stabilimenti tessili; Leonhard Blumer fondò nel 1864 la Weberei Sernfthal, costretta dalla grave crisi degli anni 1930-40 a razionalizzare la produzione con una diminuzione dei posti di lavoro; l'azienda esisteva ancora alla fine del XX sec. sotto il nome di Weseta. Nel 1905 fu inaugurata la ferrovia della valle del Sernf, sostituita nel 1969 da un servizio di autobus. E. è sede di due ditte di trasporti, di una banca locale e dell'impianto di depurazione della valle. Dal 1981 E. e Matt formano un'unica circoscrizione scolastica. Nel 2000 un terzo ca. della pop. attiva era occupato nel settore secondario, la metà nel terziario.


Bibliografia
– H. C. Peyer, 100 Jahre Vereinigte Webereien Sernftal, Weberei Azmoos, 1964
– M. Baumgartner-Marti, Ein Bergtal öffnet sich, 1980
– K. Marti-Weissenbach, Engi - Ein historischer Spaziergang, 1996

Autrice/Autore: Karin Marti-Weissenbach / ato