• <b>Cointrin</b><br>L'aeroporto nel maggio del 1982 prima delle importanti trasformazioni (1987-1995); fotografia di   Roland Schlaefli (Museo nazionale svizzero, Actualités suisses Lausanne).

Cointrin

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

Quartiere che si estende nei com. di Meyrin, Vernier, Grand-Saconnex e Bellevue, alla frontiera con la Francia; (1215: Cuintrins; 1225: Quintrino; 1299: Quintrinsex; 1392: Cuytrins). Ritrovamento di una necropoli del I-VI sec. Nel 1528 il ginevrino Jean Lect ottenne dal duca di Savoia la dignità di signore di Mategnin e di C.; nel 1547 gli succedettero i nobili di Livron, del Pays de Gex, che detennero pure i diritti di alta giustizia. Le terre di C. fecero parte del Pays de Gex e ne seguirono le vicissitudini fino al trattato di Parigi del 1815, che le attribuì al cant. Ginevra.

Nel 1920 C. fu scelto per realizzarvi un campo di aviazione (Aeroporti) necessario a Ginevra, sede della Soc. delle Nazioni. Venne così votato un credito di 675'000 frs. per l'acquisto e la sistemazione di ca. 57,5 ettari a Meyrin. In settembre l'ufficio fed. dell'aviazione concesse l'autorizzazione per la gestione dell'aerodromo. Rapidamente C. sorpassò il campo di aviazione di Losanna, più vecchio. Nel 1937 venne costruita la prima pista in cemento e durante la seconda guerra mondiale vennero avviati lavori di ampliamento. Nel 1945 C. era perciò l'unico aeroporto che permetteva a Swissair di effettuare voli commerciali regolari. Nel 1949 fu messa in funzione un'aerostazione, che ben presto si rivelò troppo piccola e venne perciò sostituita da una nuova costruzione. Nel 1956 fu firmata una convenzione con la Francia che prevedeva la correzione della frontiera lungo 5 km; lo scambio di 42 ettari di terreno permise l'allungamento della pista e la costruzione di una strada. Quest'ultima assicurava l'accesso diretto fuori dogana, passando da Ferney-Voltaire, alla parte franc. dell'aerostazione. Dal 1987 è in funzione un collegamento ferroviario tra C. e la stazione di Ginevra, mentre nel 1988 è stato inaugurato un nuovo scalo merci. Nel 1994 l'aeroporto è stato trasformato in uno stabilimento autonomo di diritto pubblico. Il ruolo crescente di C. ha portato allo sviluppo parallelo di tutti i servizi variamente legati alla sua gestione: quattro alberghi (per un totale di 1150 stanze) costruiti tra il 1977 e il 1990; tre centri di affari intern. (World Trade Center, 1979; International Business Center, 1985; International Center Cointrin, 1990); il palazzo delle esposizioni Palexpo (1981) e l'Arena, una sala polivalente gigante (1995); la sede europea di diverse multinazionali, come ad esempio la Du Pont de Nemours (1990); il quartiere generale dell'International Air Transport Association (IATA; 1968) e infine una circonvallazione autostradale (1993). C. fornisce ca. 13'000 posti di lavoro su una superficie approssimativa di 30 ettari; ciò spiega l'aumento considerevole della sua pop. Il nuovo quartiere residenziale di Les Avanchets (1980) ha infatti portato al com. di Vernier ca. 10'000 ab. (1990); dal 1960 al 2000 il com. di Meyrin è passato da 3215 a 19'548 ab. L'inizio del XXI sec. ha coinciso con un periodo assai delicato a causa della preferenza di Swissair (Swiss dal 2002) per Kloten, delle lotte dei residenti contro il rumore e della necessità di trovare una collocazione nella nuova rete organizzata attorno agli hubs intercontinentali.

<b>Cointrin</b><br>L'aeroporto nel maggio del 1982 prima delle importanti trasformazioni (1987-1995); fotografia di   Roland Schlaefli (Museo nazionale svizzero, Actualités suisses Lausanne).<BR/>
L'aeroporto nel maggio del 1982 prima delle importanti trasformazioni (1987-1995); fotografia di Roland Schlaefli (Museo nazionale svizzero, Actualités suisses Lausanne).
(...)


Bibliografia
– R. Hodler, L'aéroport et le problème du bruit, mem. lic. Ginevra, 1976
– R. Hug, L'avion à Genève, 1981
Etude relative aux incidences de l'aéroport de Genève-Cointrin, 1982
– A. Brulhart, E. Deuber-Pauli, Ville et canton de Genève, 1985, 358-360 (19932)
– P. Roy, Les ailes de Genève, 1995

Autrice/Autore: Catherine Santschi / czu