• <b>Moudon (baliaggio, distretto)</b><br>Particolare della mappa del canton Berna; incisione su rame colorata realizzata nel 1578 da  Thomas Schöpf (Zentralbibliothek Zürich, Abteilung Karten und Panoramen). Orientata a sud, la mappa mostra la parte del baliaggio bernese situata lungo la Broye, da Montpreveyres (in alto a destra) a Combremont-le-Petit (in basso al centro) passando da Lucens con il suo castello (al centro a sinistra). La linea rossa segna il confine con i baliaggi friburghesi.

Moudon (baliaggio, distretto)

Castellania savoiarda (1207-1536), baliaggio bernese (1536-1798), distr. dei cant. Lemano (1798-1803) e Vaud (1803-2006). Pop: 10'781 ab. nel 1798, 11'176 nel 1900, 9307 nel 1960, 12'190 nel 2000. La regione di M. passò al vescovo di Losanna in seguito alla cessione della contea di Vaud da parte di Rodolfo III di Borgogna nel 1011. Il vescovo dovette far fronte alle rivendicazioni territoriali del conte di Ginevra e poi del duca von Zähringen. Nel 1219 il trattato di Burier attribuì M., in forma di feudo vescovile, al conte Tommaso I di Savoia, che l'aveva già ottenuto da suo cugino, l'imperatore Filippo di Svevia, nel 1207. Quest'ultimo insediò a M. un castellano. Intorno al 1263 Pietro II, conte di Savoia, istituì la carica di balivo di Vaud, elevando M. a capoluogo amministrativo e giudiziario del Paese di Vaud. Il balivo era spesso simultaneamente castellano; l'ultimo in ordine di tempo fu Claude de Glâne, che nel 1536 venne relegato al solo rango di castellano. Da allora il baliaggio di M., appartenente alla seconda categoria di reddito, fu governato da un cittadino bernese, che dal 1542 risiedette nel castello di Lucens. Il baliaggio di M. era diviso in sette castellanie (M., Chapelle Vaudanne, Montpreveyres, Lucens, Villarzel, Granges, Combremont-le-Petit); molte signorie possedevano, inoltre, una propria corte di giustizia. Sul piano ecclesiastico M. dipendeva dal decanato di Vevey; con la Riforma le 14 parrocchie furono annesse alla classe di Payerne (salvo Chapelle, Démoret e Daillens). Creato nel 1798, il distr. di M. comprendeva le località di Saint-Cierges, Bercher (nel 1803), Correvon (nel 1803) e Ogens (appartenenti al baliaggio di Yverdon), nonché Montaubion-Chardonney e Peyres-Possens (dipendenti da quello di Losanna); la parte settentrionale del baliaggio fu attribuita al distr. di Payerne, la porzione meridionale a quello di Oron e l'enclave di Daillens e Bettens al distr. di Cossonay. Nel 1960 il com. di Bercher passò al distr. di Echallens. Con la soppressione del distr. di M. nel 2006 i circ. di M. e di Lucens sono stati annessi al distr. Broye-Vully, con l'eccezione dei com. di Denezy e Neyruz-sur-M., incorporati nel circ. di Saint-Cierges (distr. Gros-de-Vaud). Il distr. di M. ha conservato un carattere agricolo fino alla metà del XX sec.; in seguito il settore industriale ha conosciuto un rapido sviluppo (spec. a M. e a Lucens). M. disponeva di un'infermeria (1888), divenuta ospedale distr. (1953-2001) e poi casa di cura e per anziani.

<b>Moudon (baliaggio, distretto)</b><br>Particolare della mappa del canton Berna; incisione su rame colorata realizzata nel 1578 da  Thomas Schöpf (Zentralbibliothek Zürich, Abteilung Karten und Panoramen).<BR/>Orientata a sud, la mappa mostra la parte del baliaggio bernese situata lungo la Broye, da Montpreveyres (in alto a destra) a Combremont-le-Petit (in basso al centro) passando da Lucens con il suo castello (al centro a sinistra). La linea rossa segna il confine con i baliaggi friburghesi.<BR/>
Particolare della mappa del canton Berna; incisione su rame colorata realizzata nel 1578 da Thomas Schöpf (Zentralbibliothek Zürich, Abteilung Karten und Panoramen).
(...)


Bibliografia
– B. de Cérenville, C. Gilliard, Moudon sous le régime savoyard, 1929
– J. Faucherre, La Caisse d'épargne du district de Moudon, 1972
– J. Boesch, La Révolution vaudoise de 1798 dans le bailliage de Moudon, mem. lic. Losanna, 1981

Autrice/Autore: Jean-Jacques Bouquet / vfe