23/07/2007 | segnalazione | PDF | stampare | 

Losanna (baliaggio, distretto)

Baliaggio vescovile (1313-1536), poi bernese (1536-1798), distr. dei cant. Lemano (1798-1803) e Vaud (dal 1803), di cui la città di L. è capoluogo. L'ufficio di balivo vescovile (da non confondere con quello di balivo imperiale a L., nel 1284 e 1285) fu probabilmente creato nel 1313 da Pierre d'Oron. A seguito del trattato del 1316 che stabilì la condivisione della sovranità tra il vescovo e la Savoia, tra il 1316 e il 1329 il balivo fu nominato dal conte di Savoia. Egli era in particolare responsabile dell'organizzazione del servizio armato e, sul piano giudiziario, della giurisdizione d'appello; il suo potere veniva esercitato nell'ambito della sfera temporale del vescovo.

Nel 1536 Berna diede un nuovo assetto al baliaggio di L., posto sotto la sua giurisdizione. Il suo titolare (balivo), un cittadino di Berna affiancato da un luogotenente losannese, in virtù delle "largizioni" del 1536 e 1548, deteneva i poteri giudiziari, militari e fiscali sulla regione losannese e le parrocchie del distr. di Lavaux; le terre dei feudatari dipendevano direttamente da lui. Nella signoria di L. invece il balivo esercitava la sua autorità unicamente sul quartiere della Cité e sul castello di Ouchy. Egli doveva giurare di rispettare le franchigie della città, ma deteneva i diritti di grazia e di appello. Il baliaggio di L. era un baliaggio di prima classe.

Creato nel 1798, il distr. di L. nel periodo che precedette il primo conflitto mondiale era ancora ampiamente legato alle attività agricole. Costituito da 12 com. dal 1803, conobbe una forte crescita demografica, direttamente legata alla pop. del capoluogo (75,5% della pop. del distr. nel 1850, 82,9% nel 1900, 82,3% nel 1950), diminuita per contro nel 2000 (62,3%) in ragione dello sviluppo dei com. della Grande L. Il distr. era diviso in tre circ. elettorali (L., Pully e Romanel). Il Gran Consiglio vodese, nell'ambito delle discussioni sul riassetto territoriale avviate dalla Costituzione del 2003, ha respinto la creazione di un distr. della Grande L. Dal 2006 il nuovo distr. comprende L., Cheseaux-sur-L., Epalinges, Jouxtens-Mézery, Le Mont-sur-L. e Romanel-sur-L.; Crissier, Prilly e Renens sono passati al distr. dell'Ouest losannese, Belmont-sur-L., Pully e Paudex sono stati attribuiti a quello di Lavaux-Oron.


Bibliografia
– J. C. Biaudet (a cura di), Histoire de Lausanne, 1982
– J.-D. Morerod, Genèse d'une principauté épiscopale, 2000, 426-429

Autrice/Autore: Fabienne Abetel-Béguelin / cor