Wonnenstein

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

Convento di cappuccine dell'ordine terziario di S. Francesco, exclave di Appenzello Interno nel com. di Teufen (AR). Dedicato a S. Maria, dipese dalle diocesi di Costanza (fino al 1814) e di San Gallo (dal 1866). Nel 1381 l'abate sangallese Kuno von Stoffeln don˛ un appezzamento ad alcune suore eremite. Dal XV sec. le religiose furono sottoposte ai francescani conventuali della Germania meridionale; durante la Riforma persero per un breve periodo il loro convento. Anna Wńspi di Jonschwil, suora del convento di Pfanneregg presso Wattwil, fu inviata nel 1596 a W., dove divenne madre superiora, introdusse la riforma di Pfanneregg e pose il convento sotto l'influenza dei cappuccini. Dopo la divisione di Appenzello (1597), l'appartenenza territoriale di W. fu contesa fino al 1870, quando un decreto fed. assegn˛ l'area entro le mura conventuali ad Appenzello Interno. Nel 1616 il convento contava 21 suore, nel 1938 47 e nel 2000 11. W. fu abbazia madre del convento di Jakobsbad fondato nel 1851. Dal 1924 i medicamenti della farmacia del convento di W. sono riconosciuti legalmente.


Bibliografia
HS, V/2, 1104-1110; IX/2, 173-182
MAS AI, 1984, 538-556

Autrice/Autore: Christian Schweizer / sma