Immensee

Villaggio e parrocchia nel com. di Küssnacht (SZ); (1452: Imise). Pop: 1855 ab. nel 2000. Il nome deriva dalla parte del lago di Zugo dove il cavaliere Immo von Buonas deteneva i diritti di pesca (1260: lacus Ymmois). Nel 1064 il convento di Muri possedette beni a I. La circoscrizione per la riscossione della decima di I. non ebbe autonomia politica, ma condivise le sorti di Küssnacht. Al più tardi dalla seconda metà del XIV sec. la comunità per lo sfruttamento dei beni com. fu divisa in Oberimmensee e Unterimmensee. La cappellania, istituita nel 1729, fu dotata nel 1934 di una nuova chiesa (Quattordici Santi Ausiliatori) e divenne parrocchia nel 1940. I. fu teatro di scontri bellici nel 1798 (lotta difensiva contro le truppe franc.) e durante la guerra del Sonderbund (1847). Pierre-Marie Barral, sacerdote savoiardo, nel 1896 vi fondò un ist. maschile, da cui nacquero il collegio e la missione di Betlemme (Missione Betlemme Immensee) e una fabbrica di calendari. Nel 1856 I. divenne sede dell'ospizio per i poveri e gli orfani del distr. di Küssnacht (ricostruzione del 1936, oggi casa per anziani). Dotato di una stazione sulla linea del Gottardo (1882), dal 1981 il villaggio è attraversato dall'autostrada A4. La pop. è attiva, in misura equilibrata, nei settori dell'agricoltura, del turismo e dell'industria.


Fonti
Quellen zur Geschichte der Landschaft Küssnacht am Rigi, 1982-1999

Autrice/Autore: Franz Wyrsch / rza