25/08/2005 | segnalazione | PDF | stampare

Galgenen

Nell’edizione a stampa questo articolo è corredato da un’immagine. È possibile ordinare il DSS presso il nostro editore.

Com. SZ, distr. March; (1229: Galgênne). Il com. è formato dal villaggio di G., dal quartiere di Siebnen-G. ( Siebnen) a ovest del torrente Wägitaleraa, e dagli insediamenti di Achern, Buechli, Stöckli e Steinweid; il villaggio di G. e Siebnen-G. costituiscono i centri. Pop: 1343 ab. nel 1850, 1410 nel 1900, 2299 nel 1950, 3927 nel 2000. Nel XIV sec. è documentato un possedimento del Fraumünster di Zurigo nell'area di G. La chiesa parrocchiale dei SS. Martino e Nicola è menz. per la prima volta nel 1275. Tra il 1472 e il 1475 fu costruita una nuova chiesa, sottoposta ad ampi restauri nel 1689. L'architetto Hans Konrad Stadler diresse i lavori di costruzione della chiesa odierna (1822-26). I diritti di collazione di G. nel 1355 erano detenuti da Goffredo di Asburgo-Laufenburg, che nel 1358 li vendette ai duchi d'Austria. Quando fu decretato il bando imperiale nei confronti del duca Federico d'Austria, re Sigismondo ottenne di nuovo tali diritti e li concesse a Ital Reding il Vecchio, di Svitto (1417-24). La prebenda parrocchiale rimase fino al 1809 nelle mani della fam. Reding, che dal 1707 vi deteneva anche il diritto di nomina del parroco. I parrocchiani di G. nel 1809 acquistarono i diritti di collazione per 3800 fiorini. Sull'antica strada principale (Obergasse) nel 1362 viene menz. per la prima volta la cappella di S. Jodoco, di cui si conservano ancora i dipinti murali gotici. Consacrata nel 1398 e in seguito restaurata (1622-23), la cappella fino al 1630 fu dotata di prebenda e casa cappellanica. Nonostante alcune resistenze, nel 1927 Siebnen-G. fu incorporato nella nuova parrocchia di Siebnen.

Nel 1866 fu chiuso il cronicario della March, attivo sul territorio com. di G. fin dal XV sec. La costruzione della strada cant. Siebnen-Lachen (1840 ca.) non fu inizialmente all'origine di uno sviluppo dell'attività edilizia sul territorio di G., essenzialmente agricolo. Le prime industrie furono una filanda e una tessitura meccanica del cotone sulle rive dello Spreitenbach (1861-63), che verso il 1890 contava 350 telai. Alla fine del XX sec. le piccole e medie aziende agricole occupavano ca. un decimo della pop. attiva, mentre l'artigianato e le piccole industrie erano predominanti (fabbrica di filo, mobilificio, fabbrica di ferramenta, grande segheria attiva fino al 2000). Siebnen ospita oggi il centro scolastico.


Bibliografia
MAS SZ, n.s., 2, 1989, 110-157

Autrice/Autore: Andreas Meyerhans / did