Luino

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

Com. della provincia it. di Varese, situato sulla riva orientale del lago Maggiore in prossimità della foce della Tresa, a ca. 4 km dal confine italo-sviz. Pop: 3427 ab. nel 1861, 7808 nel 1901, 10'693 nel 1951, 15'110 nel 1981, 14'179 nel 2004. Il borgo medievale di L. assurse a polo di attrazione anche per le vicine terre ticinesi grazie al mercato, tenuto in alternanza a quello di Maccagno su concessione di Carlo V (1541). Il territorio di L., insieme alla Valtravaglia e alla Valcuvia, fu occupato dai Conf. nel 1512-13. Dopo un periodo di incerta appartenenza territoriale successivo alla Pace perpetua (1516), nel 1521 il com. era soggetto ai Rusca e integrato quindi nel ducato di Milano. Nel XVIII sec. si svilupparono nella regione numerose manifatture. Nel 1760 i proprietari della vetreria di Personico trasferirono la produzione a Porto Valtravaglia presso L., attratti dalle facilitazioni offerte dal ducato di Milano. A L. fu aperta una filanda di dimensioni considerevoli, che esportava seta a Lugano. Attorno alla metà del XIX sec. la notevole crescita dell'industria tessile favorì l'avvio del settore meccanico e l'intensificarsi del commercio e dell'attività delle banche locali. Allo sviluppo economico del territorio di L., divenuto un considerevole polo industriale regionale (con oltre 50 industrie negli anni 1891-1914), contribuì pure l'intervento di imprenditori e capitali sviz. - ne sono un esempio gli Hüssy, fam. di cotonieri dell'Argovia, che aprirono uno stabilimento a L. nel 1868 - e l'apertura della galleria ferroviaria del San Gottardo (1882) con la linea Bellinzona-L., divenuta stazione intern. Al collegamento ferroviario, che raddoppiò il numero di Conf. residenti a L., si lega anche l'apertura della scuola sviz. nel 1883 (chiusa attorno al 1990). La crisi nell'industria e nel commercio intervenuta negli anni 1980-90, accompagnata da un forte declino demografico, ha ridimensionato il ruolo di L., com. oggi caratterizzato dall'elevato tasso di frontalieri.


Bibliografia
– P. Frigerio, Storia di Luino e delle sue valli, 1999

Autrice/Autore: Nathalie Tami