Wauwil

Com. LU, distr. e circoscrizione elettorale Willisau, situato sul versante sud del Santenberg e al limite settentrionale del Wauwilermoos; (1070-90: Wawile). Pop: ca. 190 ab. verso il 1695, 324 nel 1798, 487 nel 1850, 592 nel 1900, 894 nel 1950, 1671 nel 2000.

W. si trova sulle rive dell'antico lago glaciale di W., uno dei maggiori siti di insediamenti mesolitici e neolitici. Nel ME faceva parte della corte (Dinghof) di Dagmersellen, appartenente all'abbazia di Einsiedeln, con bassa giurisdizione (Twing), baliaggio e banno; era sede di una corte (Meierhof) e un'osteria (attestata dal 1346). Dopo diversi cambi di proprietà, la bassa giurisdizione passò a Lucerna nel 1450 risp. nel 1515. L'esteso lago di Wauwil - detto fino al XIX sec. anche lago di Schötz o di Egolzwil - e i relativi diritti di pesca nel ME appartenevano probabilmente all'abbazia di Einsiedeln. Nel 1579 Lucerna li cedette al convento di Sankt Urban, penalizzato però dalla progressiva colmatura del lago promossa dai com. vicini, che ne ridusse le dimensioni. Riacquistato da Lucerna nel 1836, lo specchio d'acqua fu prosciugato del tutto nel 1853-56. Fino alla fondazione della parrocchia di Egolzwil-W. nel 1882, W. fece parte, con la cappella di S. Wendelino (ristrutturata nel 1737 e ampliata nel 1828-30), della parrocchia di Altishofen. Nel villaggio era praticato l'avvicendamento triennale delle colture. Nel 1856 W. venne collegato alla linea ferroviaria Lucerna-Olten. L'estrazione della torba, avviata nel 1820 ca., acquisì importanza spec. durante le due guerre mondiali e la correzione del fiume Ron (1940-43). Nel 1879-80 la fam. Siegwart, originaria della Foresta Nera, aprì a W. una vetreria (chiusa nel 1920, dal 1933 Glashütte Wauwil AG). Dal 1966 l'azienda appartiene alla Vetropack; nel 1993 passò dalla fabbricazione di bottiglie di vetro a quelle in PET. Dal 1987 W. ospita una coltivazione di funghi prataioli. Un maestro di scuola è menz. la prima volta nel 1770. Dal 1812 al 1837 W. ed Egolzwil ebbero una scuola in comune. Dal 1962 l'area del Wauwilermoos è una zona naturale protetta.


Bibliografia
MAS LU, 5, 1959, 216 sg.
– A. Staffelbach, P. Felber, Wauwil, 1992
– A. Ineichen, Innovative Bauern, 1996
– E. H. Nielsen, Eiszeit, Steinzeit, 2009

Autrice/Autore: Waltraud Hörsch / ato