No 1

Dicker, Jacques

nascita 31.7.1879 Khotin (Russia, oggi Ucraina), morte 17.11.1942 Ginevra, isr., cittadino russo, naturalizzato sviz. nel 1915. Figlio di Moïse, intendente dei principi Obolensky, e di Eva Gorodisky. ∞ Léa Qwoires. Studiò diritto a Kiev. Attivo nel partito socialista russo, arrestato a più riprese e imprigionato, D. riuscì nel 1906 a emigrare a Ginevra, dove conseguì la licenza in diritto nel 1909 e il brevetto di avvocato nel 1915. Iscritto al partito socialista ginevrino dal 1906, militò al fianco di Léon Nicole, diventando segr. e, nel 1922, pres. della Federazione socialista sviz., di estrema sinistra. Fu consigliere com. di Plainpalais (oggi Ginevra, 1924-29), deputato al Gran Consiglio ginevrino (1930-41) e Consigliere nazionale fino all'interdizione della Federazione socialista sviz. (1922-25, 1928-41). Il processo intentato nei suoi confronti e contro Nicole da parte dell'Unione nazionale sfociò nella sparatoria di Ginevra del 9.11.1932. Brillante avvocato penalista, D. sostenne fra l'altro la difesa di Nicole davanti alle assise fed. nel maggio del 1933.


Bibliografia
– A. Picot, Souvenirs de quelques années difficiles de la République de Genève, 1963
– M.-M. Grounauer, La Genève rouge de Léon Nicole, 1975

Autrice/Autore: Jean de Senarclens / gbp