08/04/2010 | segnalazione | PDF | stampare

Müswangen

Ex com. LU, distr. Hochdorf, dal 2009 fa parte con Gelfingen, Hämikon, Mosen, Retschwil e Sulz (LU), del com. di Hitzkirch; (924: Milizwaga). Pop: 307 ab. nel 1798, 442 nel 1850, 324 nel 1900, 259 nel 1950, 217 nel 1980, 439 nel 2000. A ovest del villaggio, situato sul versante occidentale del Lindenberg, è stato rinvenuto un edificio di epoca romana. Nel XIII sec. M. fece parte del baliaggio di Lenzburg, di proprietà dei von Kyburg, dopo il 1300 del baliaggio di Richensee (dal XV o XVI sec. denominato baliaggio di Hitzkirch), a sua volta dal 1425 al 1798 parte dei Freie Ämter. Nel 1798 il villaggio fu attribuito al cant. Baden e nel 1803 al cant. Lucerna. Prima del 1798 i diritti di alta e di bassa giustizia erano amministrati dal baliaggio di Hitzkirch. Nel 1300 ca. presso M. si trovava una curtis libera. Dal tardo ME la commenda dell'ordine teutonico di Hitzkirch, il collegio dei gesuiti di Lucerna (1694-1773) e i successori di questi ultimi, i signori von Heidegg, furono importanti proprietari fondiari nella regione. M. fu inoltre una sede doganale (1804-48). Sul piano ecclesiastico e fino alla sua erezione a parrocchia (1958) il com. dipese da Hitzkirch; la cappella, menz. per la prima volta nel 1608, fu ricostruita attorno al 1669. Nel 1786 il com. fondò una prebenda religiosa e scolastica per un religioso che svolgeva anche le funzioni di maestro della scuola; nel 1809 fu istituita una cappellania. La scuola elementare, chiusa nel 1976, fu trasferita a Hämikon. Fino al 1739 M. condivise con Hämikon i beni comuni, la cittadinanza e gli statuti com., risalenti al 1595; separazioni parziali tra i due com. erano già avvenute nel 1364, 1375 e 1671. Negli anni 1860-70 il villaggio fu colpito da tre incendi. Fino a oggi l'attività economica predominante è l'agricoltura (58% della pop. attiva nel 2000), con la coltivazione di cereali e di frutteti ad alto fusto, l'economia lattiera e l'allevamento, spec. di suini. Nel 1497 è menz. un diritto di taverna. Nel 1791 il convento di Muri incominciò a sfruttare una mineria di tufo. Dalla fine del XVIII sec. si estrasse la torba; nel XIX sec. si diffuse la lavorazione della paglia. Nel 2006 M. ha accettato la fusione con 11 com. della valle di Hitzkirch, ma il progetto è caduto per la mancata adesione di alcuni com.; un progetto di fusione ridimensionato a soli sette com. è stato accettato nel 2007.


Bibliografia
– G. Rodel, «Die Strohindustrie im aargauischen und luzernischen Seetal», in Heimatkunde aus dem Seetal, 24, 1950, 3-64
Müswangen, 1993

Autrice/Autore: Waltraud Hörsch / cne