No 7

Calame, Henri-Florian

nascita 28.8.1807 Le Locle, morte 20.3.1863 Neuchâtel, rif., di Le Locle e La Brévine. Figlio di Jacques-Henri, commerciante di derrate coloniali, giudice e deputato alle Audiences générales (legislativo cant.) e al Corps législatif, e di Marie-Ernestine Jeanmaire. Nipote di Marie-Anne ( -> 10). ∞ (1832) Madeleine-Emma Faure, figlia di Charles, di Le Locle, cittadino di Valangin. Studiò letteratura a Neuchâtel, poi diritto a Berna e a Berlino. Tornato a Neuchâtel, aprì uno studio di avvocatura (1827); agli Auditoires della città (antecessori dell'Acc.) tenne un corso di diritto civile consuetudinario (1829-30) su cui si basarono i tribunali fino all'adozione del Codice civile neocastellano nel 1855 (il corso venne pubblicato nel 1858 con il titolo Droit privé d'après la coutume neuchâteloise). Nominato alla testa della giurisdizione (mairie) di Brenets (1830), divenne membro delle Audiences générales, poi del Corps législatif; dal 1831 fu segr. del Consiglio di Stato neocastellano, di cui divenne membro. Delegato alla Dieta fed. (1837-48), nel 1831 collaborò con l'organo pacificatore Feuilles neuchâteloises, che propugnava una monarchia costituzionale. La rivoluzione repubblicana dell'1.3.1848 lo spinse al ritiro alla vita privata; già nel novembre successivo tuttavia venne eletto al Gran Consiglio, di cui fece parte fino alla morte. Dal 1848 assunse la redazione del Neuchâtelois, organo di obbedienza conservatrice moderata, che prese il posto del Constitutionnel neuchâtelois, di tendenza monarchica. Dal 1849 fu membro e vicepres. del sinodo della Chiesa prot. neocastellana. Fu inoltre autore di una raccolta di testi lirici, Méditations poétiques (1852 e 1861). Cavaliere dell'ordine prussiano dell'Aquila rossa.


Bibliografia
Messager NE, 1864
– L. Thévenaz, «Les événements de février-mars 1848 vus par des royalistes», in MN, 1948, 178-184
Biogr.NE, 2, 62-66

Autrice/Autore: Eric-André Klauser / pre