10/07/2006 | segnalazione | PDF | stampare | 

Kappel am Albis

Com. ZH, distr. Affoltern; (1185: Capella). Posto ai piedi dell'Albis sul confine con il cant. Zugo, comprende gli insediamenti di K., Uerzlikon e Hauptikon, antiche curtes di proprietà del convento di Kappel, e diverse fattorie isolate. Nel 1885 una parte della località di Ebertswil fu separata da K. e assegnata a Hausen am Albis. Fino al 1911 il com. si chiamò Kappel. Pop: 256 ab. nel 1634, 438 nel 1799, 743 nel 1850, 697 nel 1900, 676 nel 1950, 567 nel 1980, 865 nel 2000. Un pugnale dell'età del Bronzo ritrovato a Uerzlikon e tracce di una villa romana sul confine con Rifferswil costituiscono i reperti archeologici più antichi. La storia del territorio com. attuale è strettamente legata al convento cistercense di Kappel. Fin verso il 1350 questo consolidò, attraverso acquisizioni mirate, i suoi possedimenti in prossimità del convento, gestiti in proprio e poi anche concessi in pegno. Nel basso ME Uerzlikon e probabilmente anche Hauptikon si trasformarono per contro in villaggi che praticavano l'avvicendamento delle colture su propri appezzamenti. A K., come pure a Uerzlikon, l'abbazia deteneva la bassa giustizia. Nel 1309 questi diritti passarono, assieme all'avogadria ecclesiastica, dai baroni von Eschenbach agli Asburgo e poi ai von Hallwyl. Nel 1415 Zurigo acquisì l'alta giurisdizione di Affoltern e nel 1496 anche formalmente l'avogadria ecclesiastica, già in precedenza esercitata di fatto. Dopo la Riforma, e fino al 1798, la città di Zurigo amministrò i beni del convento secolarizzato di Kappel. Nel 1527 la nuova parrocchia di K., di cui fino al 1885 fece parte anche Ebertswil, rilevò la chiesa conventuale. Nel 1529 e 1531 K. fu centro dello spiegamento di forze e teatro delle battaglie nelle guerre che portano il suo nome. Nel 1835 i com. del distr. di Affoltern fondarono nell'antica abbazia un ospizio per i poveri, cui furono annessi una casa di correzione (1878) e un ospedale (1895). Ancora un com. a carattere agricolo all'inizio degli anni 1950-60, K. si è poi trasformato in luogo di residenza per pendolari in uscita verso Zugo e Zurigo.


Bibliografia
– P. Vogelsanger, Kurze Geschichte von Kappel, 1185-1985, 1985
– B. Schneider, Von den Klostergütern zur selbständigen Gemeinde, 1988

Autrice/Autore: Martin Leonhard / sma