No 1

Piller, Joseph

nascita 31.7.1890 Friburgo, morte 13.2.1954 Friburgo, catt., di Bonnefontaine. Figlio di Pierre-Athanase, funzionario di Stato, e di Eugénie Clément. ∞ Marie-Anne Wassmer, figlia di Edouard, commerciante. Frequentò collegi a Friburgo ed Einsiedeln, conseguì la licenza in diritto a Friburgo (1913) e compì una formazione supplementare a Parigi e Monaco di Baviera. Nel 1918 ottenne la patente di avvocato. Professore straordinario (1919) e poi ordinario (1924) all'Univ. di Friburgo, insegnò in particolare diritto pubblico generale e sviz. Divenne membro del Tribunale fed. per il partito conservatore (1926). Nel 1933 succedette a Ernest Perrier nel governo cant. friburghese e assunse la direzione del Dip. dell'istruzione pubblica. Sviluppò la facoltà di scienze, creando gli ist. di chimica, botanica e anatomia e realizzò, non senza difficoltà finanziarie, gli edifici della sede della Miséricorde (lettere e diritto, 1941); fu per questo considerato il secondo fondatore dell'Univ. Promosse l'insegnamento dell'economia domestica e riportò la sede della scuola magistrale da Hauterive a Friburgo. Esposto a critiche a causa del suo stile autoritario e vittima di intrighi delle cerchie attorno a Maxime Quartenoud e Pierre Glasson, nel 1946 non fu rieletto e tornò all'attività acc. Membro del Consiglio degli Stati (1935-46 e 1950-54, pres. nel 1945-46), presiedette la commissione fed. dei cereali ed entrò nel consiglio di amministrazione delle FFS. Figura di spicco dei conservatori friburghesi ed esponente del corporativismo catt., a cui consacrò due pubblicazioni (1932 e 1935), difese una visione cristiana e federalista della Svizzera, opponendosi per esempio all'introduzione del Codice penale sviz. Ammiratore e prosecutore dell'opera di Georges Python, fu sostenuto da Jean-Marie Musy al momento di accedere al Consiglio di Stato nel 1933; in seguito ne prese tuttavia le distanze. Membro della Soc. degli studenti sviz. (1938). Maggiore di fanteria.


Bibliografia
J. Piller, 1890-1954, in memoriam, 1955
– N. Balmat, Le parti conservateur-catholique à Fribourg durant l'entre-deux-guerres, mem. lic. Friburgo, 2001

Autrice/Autore: Jean-Pierre Dorand / cmu