Wangenried

Com. BE, distr. Wangen, circoscrizione amministrativa Alta Argovia; (894: Riete; 1356: Guoten Riede; fino a XIX sec. inoltrato: Ried). Villaggio strada con fattorie isolate, Ŕ situato lungo la vecchia strada tra Wangen an der Aare e Herzogenbuchsee. Pop: 139 ab. nel 1764, 415 nel 1850, 332 nel 1900, 381 nel 1950, 382 nel 2000. Accanto a un ritrovamento isolato dell'etÓ del Bronzo a nord del villaggio, sono stati rinvenuti resti murari di due edifici di origine incerta nel Rolliwald. Nel XIV sec. si distingueva tra Gutenried e B÷senried, quest'ultimo in seguito scomparso. Il villaggio medievale, dedito all'avvicendamento delle colture, condivideva i pascoli con Wangen ed era soggetto ai tribunali locali: per la bassa giustizia a quello della prepositura, per l'alta giustizia a quello dei von Kyburg e, dal 1407, a quello del balivo bernese. Sul piano ecclesiastico W. ha sempre fatto capo a Wangen. Dal XIX sec. il lavoro a domicilio si orient˛ verso le vicine localitÓ industrializzate: furono praticate la tessitura per le fabbriche di seta di Herzogenbuchsee (fino agli anni 1950-60) e la cucitura di camicie per l'industria tessile di Wangen (fino agli anni 1980-90). Nel 2000 il 76% della pop. attiva era costituito da pendolari in uscita spec. verso Wangen, Herzogenbuchsee, Langenthal e la regione di Soletta, con cui W. Ŕ collegato da un servizio di autopostali. Nel com., che ha conservato il suo carattere rurale e artigianale (industria del legno), si trova la zona protetta di MŘrgelibrunnen.


Bibliografia
– I. Meili-Rigert, Bauinventar der Gemeinde Wangenried, 2009

Autrice/Autore: Anne-Marie Dubler / sor