Riggisberg

Com. BE, distr. Seftigen, circoscrizione amministrativa Berna-Mittelland; (1239: Ricasperc; 1270: Riggesberg). Situato in una conca tra Längenberg e Gibelegg, comprende il villaggio di R., frazioni e insediamenti sparsi e dal 2009 l'ex com. di Rüti bei Riggisberg. Pop: 519 ab. nel 1764, 1474 nel 1850, 1753 nel 1900, 1913 nel 1950, 2162 nel 2000. Sono state rinvenute tombe con corredi in ferro in località Kreuzbühlhölzli e resti di insediamenti romani a Muriboden. Gli esponenti dei von R., fam. cittadina di Friburgo originaria di R., nel XIII sec. non detenevano probabilmente già più diritti e beni a R.; nel 1276 quest'ultimi erano di proprietà del priorato di Rüeggisberg. Appartenuta nella prima metà del XIV sec. a Burgistein, la signoria di R. passò per via matrimoniale a Petermann von Wichtrach, che tra il 1350 e il 1362 l'ampliò e nel 1358 ne acquistò l'alta giustizia da Rudolf de Neuchâtel-Nidau, langravio di Burgundia circa Ararim. Per questo motivo, anche quando fu attribuita alla giurisdizione bernese di Seftigen (1388-1798), R. non poté essere giudicata da un tribunale esterno al proprio territorio, sottostando alla città solo in materia fiscale e militare. La signoria era composta dalla residenza di Uf Gsteig, dal villaggio di R., da fattorie sparse e dai diritti di giustizia su R. e Rüti (conformemente all'ordinamento giur. del 1542). Dal 1387 al 1799, R. appartenne ai von Erlach, fam. del patriziato cittadino bernese ed erede dei von Wichtrach, che attorno al 1700 ampliarono l'antica residenza signorile in un castello. Nel 1798 i von Erlach persero i diritti di signoria e nel 1799 vendettero a Karl Friedrich Steiger il castello e i beni, poi passati nel 1869 al cugino di quest'ultimo, l'irlandese Robert Pigott. Nel 1880 i com. della prefettura di Berna campagna e dei distr. di Konolfingen, Seftigen e Schwarzenburg acquisirono il castello e vi insediarono l'ospizio per i poveri dell'Altopiano bernese. Nel 1939 venne demolito l'antico "castello lungo", mentre il "castello alto", edificato attorno al 1700 e restaurato tra il 1965 e il 1970, ospita dall'inizio del XXI sec. l'amministrazione della casa per disabili di R. Il territorio della signoria, comprendente R. e parte di Rüti, faceva capo alla grande parrocchia di Thurnen e aveva una cappella dedicata a S. Sebastiano, menz. nel 1343, fondata probabilmente nel XII sec. La torre del coro, di epoca tardoromanica, risale alla seconda metà del XII sec. La navata, aggiunta nel 1687, fu ampliata nel 1939 e 1977-79. Dal 1874 R. e Rüti formano un unico com. parrocchiale, autonomo dal 1935. Mentre nelle frazioni e negli insediamenti sparsi veniva praticata soprattutto l'agricoltura (campicoltura, allevamento ed economia lattiera), nel villaggio si erano insediate alcune attività commerciali (spec. concerie, fucine, locanda) e una Cassa di risparmio (dal 1903); dal 1872 R. era sede di tre fiere annuali. All'inizio del XXI sec., accanto a una variegata piccola industria soprattutto nel ramo edilizio, a R. si erano insediate diverse aziende di servizi, tra cui l'ospedale, la casa per anziani, il museo tessile (aperto nel 1967) con il centro di ricerca e restauro della fondazione Abegg (fondato nel 1961 dall'industriale tessile zurighese Werner Abegg). R. ospita pure la scuola secondaria regionale, fondata nel 1914, cui fanno capo sei com. Nel 2005 il settore terziario offriva l'81% dei posti di lavoro del com.


Bibliografia
– R. von Stürler, Die vier Berner Landgerichte Seftigen, Sternenberg, Konolfingen und Zollikofen, 1920
– H. Zehnder, 50 Jahre Kirchgemeinde Riggisberg-Rüti, 1986
Riggisberg, 1998
– T. Hurschler, Bauinventar der Gemeinde Riggisberg, 2008

Autrice/Autore: Anne-Marie Dubler / ato