Hedingen

Com. ZH, distr. Affoltern; (1116: Hedingen ). Villaggio compatto situato nel baliaggio di Knonau, comprendente le frazioni di Fromoos e Ismatt come pure alcune fattorie isolate. Pop: 24 fuochi nel 1467, 448 ab. nel 1634, 689 nel 1689, 992 nel 1850, 807 nel 1888, 849 nel 1900, 1138 nel 1950, 1840 nel 1960, 2190 nel 1990, 2991 nel 2000.

Presso Kreuzrain sono stati scoperti resti di un insediamento romano. Una residenza signorile, menz. nella copia di un documento del 1298 e abbandonata tra il 1388 e il 1503, costituiva con la chiesa il nucleo del villaggio. Nel 1116 la chiesa apparteneva al convento di Pfäfers e prima del 1275 ebbe un prete secolare. Fromoos fu un insediamento colonico ottenuto attraverso dissodamenti. Un inventario di beni di Pfäfers del 1340 permette di concludere che il convento amministrava le sue proprietà disseminate nel baliaggio di Knonau a partire da H. Per l'alta giustizia H. era sottoposto al Freiamt, passato a Zurigo nel 1415, mentre per la bassa giustizia faceva capo al convento di Pfäfers, che esercitava i suoi diritti per mezzo di un maior e di un balivo. La fortezza e i diritti signorili furono ceduti nel 1383 a cittadini glaronesi e alla fine del XIV sec. a esponenti del patriziato cittadino di Zurigo (ad esempio a Felix Trüber nel 1388). Nel 1495 Pfäfers vendette i diritti feudali sul baliaggio e i diritti di patronato sulla chiesa al capitolo lucernese di Sankt Leodegar. La città di Zurigo costrinse però il capitolo a cederle la sovranità temporale in cambio di 250 fiorini. I feudi stessi, cioè la fortezza con i diritti di bassa giustizia, furono venduti nel 1503 a Zurigo dagli eredi di Heinrich von Jestetten. Nel 1512 il villaggio fu integrato nel baliaggio zurighese di Knonau. Grazie a uno scambio, la città di Zurigo entrò in possesso dei diritti di patronato sulla chiesa (1531). Nel 1595 fu emanato un documento volto a contenere l'accesso alla cittadinanza. Durante la crisi della fine del XVII sec. gli ab. di H. furono i primi a emigrare verso il Brandeburgo: su almeno 200 persone che lasciarono il baliaggio di Knonau, 77 erano originarie di H.

Nel villaggio era molto diffusa l'industria a domicilio. Nel 1787 ben 569 persone lavoravano nel settore della filatura del cotone, di cui 176 solo stagionalmente. Nel 1850 179 ab. erano attivi nell'agricoltura e 251 nell'industria tessile. La Edwin Näf, uno stabilimento per la tessitura della seta, filiale dell'impresa della fam. di Johann Rudolf Näf (Kappel am Albis), fu fondata a H. nel 1883, ampliata con un nuovo capannone nel 1941 e chiusa nel 1955. Nel 1827 il villaggio fu dotato di una strada carrozzabile e di un servizio di diligenza, e in seguito di un ufficio postale (1844) e una stazione ferroviaria (1864). Il bosco com. (ca. 200 ettari) fu venduto nel 1834 a una corporazione tuttora esistente, mentre i beni comuni vennero suddivisi nel 1857 tra gli aventi diritto. Tra il 1960 e il 1968 vennero eseguiti il raggruppamento dei terreni e lavori di bonifica. Nel 1907 fu fondata un'ass. com., che fino alla nascita dei partiti locali (1919) propose anche i candidati per le elezioni com. Nel 1938 il com. acquistò un pozzo di un mulino, dove dal 1945 si trova uno stabilimento balneare. Negli anni 1960-70 nel villaggio si insediarono alcune industrie. Oggi H. costituisce un com. dell'agglomerato zurighese; tre quarti della pop. attiva sono pendolari in uscita verso Zurigo.


Fonti
FDS ZH, ms. (presso StAZ)
– F. Perret (a cura di), Urkundenbuch der südlichen Teile des Kantons St. Gallen, 1961-
Bibliografia
Gemeindebüchlein Hedingen, 1964
– F. Wendler, Knonaueramt, 1987

Autrice/Autore: Martin Illi / cmu