No 1

Peitrequin, Jean

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

nascita 5.10.1902 Losanna, morte 15.3.1969 Losanna, rif., di Romanel-sur-Lausanne. Figlio di Jules, furiere di polizia, e di Marie-Eugénie Linder. ∞ Clémence Bally, figlia di Jules-Eugène, agricoltore. Studiò ingegneria civile alla scuola di ingegneri dell'Univ. di Losanna (1924). Attivo a Nancy (1925), poi a Aigle, fu collaboratore (dal 1929) e redattore (1930-35) alla Revue de Lausanne. Radicale, fu consigliere com. (1934-37), municipale (responsabile dei dicasteri dei lavori pubblici nel 1937-45 e delle opere sociali nel 1946-49) e sindaco (1950-57) di Losanna. Finanziò i primi tentativi di creare una televisione locale. Fu deputato al Gran Consiglio vodese (1935-45) e al Consiglio nazionale (1951-55). Presiedette la sezione di Losanna del partito radicale. Contribuì alla fondazione della Loterie romande. Fu autore di testi di carattere politico e di romanzi.


Archivi
– Dossier ATS presso ACV
Bibliografia
Helvétia: livre d'or de la section vaudoise, 1847-2003, 2003

Autrice/Autore: Fabienne Abetel-Béguelin / frm