No 1

Tarilli, Giovanni Battista

nascita 1549 Cureglia, morte dopo il 1614 forse a Cureglia, catt., di Cureglia. Figlio di Giovanni e di Francesca Agazzina, di Ponte Capriasca. ∞ (1572) Marta Rusca, di Comano. Si form˛ a Milano (1564 ca.); dal 1569 fu attivo soprattutto come frescante. L'unica tela rimasta, la PietÓ e Santi (1575) conservata nel collegio degli oblati missionari a Rho (Lombardia), Ŕ un'opera giovanile ispirata a Bramantino, come la PietÓ realizzata per la parrocchiale di Sonvico (1577). Lavor˛ in numerosi edifici religiosi e civili del Ticino e della Lombardia con i figli Cipriano e Domenico e con il nipote Domenico Caresana; tra i cicli superstiti si ricordano quelli di Comano (1574), Novazzano (1584 ca.), Scaria d'Intelvi (1588), Giornico (1589), Morcote (1595) e Cureglia (1612). Artista del tardo manierismo influenzato dai maestri lombardi del primo XVI sec. (Leonardo da Vinci, Bramantino, Bernardino Luini), contribuý a diffondere in Ticino i dettami della pittura della Controriforma.


Bibliografia
DBAS, 1030

Autrice/Autore: Lara Calderari