15/09/2016 | segnalazione | PDF | stampare | 

Belp

Nell’edizione a stampa questo articolo è corredato da immagini. È possibile ordinare il DSS presso il nostro editore.

Comune BE, capoluogo del distretto di Seftigen, circoscrizione amministrativa Berna-Mittelland, baronia fino al 1798. Situato nella regione del Belpmoos, sulla riva sinistra dell'Aar, allo sbocco della valle della Gürbe, il com. comprende il villaggio di B. (1263: Belpo), le frazioni di Viehweide, Heitern, Hofmatt, i nuovi quartieri di Eissel (1956-75), Montenach (anni '60), Schafmatt (anni '70), Hühnerhubel (1980), fattorie sparse e, dal 2012, Belpberg. Nel com. ha sede l'aeroporto regionale di Berna-B. La parrocchia include anche Belpberg e Toffen. Pop: 789 ab. nel 1764, 1970 nel 1850, 2343 nel 1900, 4066 nel 1950, 8104 nel 1990.

Reperti isolati risalenti al Neolitico (nei pressi della fabbrica tessile) e al periodo di La Tène (nel villaggio, Sonneggstrasse) e alcune necropoli dell'età del Bronzo (a Hohliebe, Aebnit, Bützacker) attestano che la regione era percorsa o abitata già in tempi antichi. Nel basso e tardo ME nella zona si trovavano tre complessi fortificati (in legno): Fahrhubel, 700 m a nord ovest della Hunzigenbrücke (ora scomparso, la collina su cui sorgeva è stata spianata), Hohburg, sul versante settentrionale del Belpberg (poche vestigia murarie), e l'Hölzernes Schloss, situato nel villaggio di B. tra la Gürbe e l'attuale sede dell'amministrazione distr. (demolito nel 1783). Prima che venissero ultimati i lavori di correzione delle acque nel XIX sec., lo sviluppo dell'abitato fu ostacolato dalle piene della Gürbe e dell'Aar, che straripavano inondando il villaggio e i beni comuni.

1 - Baronia

Da B., centro dei loro possedimenti, nel XII-XIII sec. i baroni von B.-Montenach estesero il loro influsso anche sulla signoria di Montagny e su Gerenstein; sede del casato era la fortezza di Hohburg. Dal 1277 è attestata nuovamente una piccola signoria di B. i cui centri erano B. e Belpberg; dopo la battaglia del Donnerbühl/Dornbühl (1298), Berna distrusse la fortezza e nel 1306 costrinse i baroni von B. a un patto di comborghesia, concedendo alla fam. di risiedere nel villaggio, in un nuovo castello di legno, l'Hölzernes Schloss, edificato verso il 1327. Dopo l'estinzione della linea maschile, la baronia, la cui estensione corrispondeva all'attuale territorio del com. di B., passò con i diritti di alta e bassa giustizia a fam. del patriziato cittadino di Berna: ai von Wabern nel 1383, ai vom Stein e von Luternau nel 1491, ai soli von Luternau nel 1550 (costruzione del Castello vecchio), ai von Stürler nel 1624 (ampliamento del castello), ai von Muralt nel 1700 e ai von Wattenwyl nel 1721. Aboliti i diritti di signoria nel 1798, nel 1810 lo Stato bernese acquistò da Karl von Wattenwyl il Castello vecchio e ne fece la sede amministrativa del distr. di Seftigen.

Autrice/Autore: Anne-Marie Dubler / vfe

2 - Comune

La chiesa romanica dei SS. Pietro e Paolo (menz. nel 1228) venne probabilmente fondata dai signori di B.; nel 1334 i diritti di patronato sulla chiesa passarono al convento di Interlaken e nel 1528, dopo la secolarizzazione del convento, a Berna, che da Interlaken acquisì anche la cappellania dedicata alla Madonna, menz. nel 1490. Fuori dall'abitato, sulla strada per Berna, verso il 1490 sorse il cronicario (distrutto da un incendio nel 1962), cui facevano capo gli ab. del vasto territorio parrocchiale. Nel 1699 Berna separò Zimmerwald-Muhlern da B. e ne fece una parrocchia autonoma. A partire dal XVI sec. il com. divenne sede di varie residenze patrizie bernesi: dopo il 1554 Augustin di Luternau fece erigere di fronte all'Hölzernes Schloss il Castello vecchio, cui Johann Rudolf Stürler aggiunse a ovest il corpo principale (1636-44); nel 1735-36 sorse, sopra il villaggio, la residenza di campagna Oberried, appartenente al maestro di posta Viktor Fischer, adibita ad edificio scolastico dal 1937 al 1984, poi a casa di cura. Nel 1740 Alexander Ludwig von Wattenwyl costruì il Castello nuovo, mentre la casa padronale Lindenegg fu edificata verso il 1800.

L'agricoltura basata sull'avvicendamento delle colture fu abbandonata nella seconda metà del XVIII sec. e sostituita dalla rotazione continua. Le corti (Steckhöfe) di Gruben, di Winzenried-Hofmatt (assegnata al com. di Zimmerwald nel 1829-31 in seguito alla ridefinizione dei confini) e di Aar-Leen, sulla riva destra dell'Aar, non rientravano nei terreni comuni. Grazie alla correzione dei fiumi Aar (1824-31) e Gürbe (1855-60), e alla bonifica seguita da una ricomposizione parcellare nella bassa valle della Gürbe (1917-23), la vasta zona torbosa del Belpmoos poté venir coltivata a ortaggi. Anche le vie di comunicazione vennero migliorate: i due traghetti presso Kleinhöchstetten e Münsingen vennero eliminati e sostituiti nel 1836 dalla Hunzigenbrücke (vecchio ponte in legno, oggi pedonale, ad Augut) e nel 1883 dalla Schützenfahrbrücke. Un tram a cavalli collegò B. a Berna fino al 1901, anno in cui entrò in funzione la ferrovia della valle della Gürbe, che diede avvio alla crescita economico-demografica consentendo il pendolarismo (62% nel 1990). L'industrializzazione ebbe inizio con la creazione, nel 1844, di uno stabilimento tessile (chiuso nel 1974), cui seguirono la fabbrica di prodotti alimentari Galactina (1901) e l'Alupak AG (1972), oltre ad alcune stamperie e molte aziende artigianali e di servizi. Nel 1990 il 62% della pop. attiva operava nel terziario. Divenuto centro regionale, B. ospita dal 1803 la sede dell'amministrazione distr.; l'ospedale distr., cui fanno capo anche Belpberg, Kehrsatz e Toffen, fu costruito nel 1905. La chiesa catt. risale al 1968. Alla scuola elementare si affiancò nel 1865 una scuola secondaria, inizialmente gestita da privati. L'aerodromo di Belpmoos, del 1928-29, è ora un aeroporto regionale, con scuole per piloti di aerei e di alianti. Tra il 1947 e il 1984 diversi progetti che miravano a potenziarne la capacità o a trasferirlo nell'Altopiano bernese sono falliti per l'opposizione del popolo o del Gran Consiglio.

Autrice/Autore: Anne-Marie Dubler / vfe

Riferimenti bibliografici

Bibliografia
– F. Burkhalter, Die Orts- und Flurnamen der Gemeinde Belp, 1968
– W. Lehmann, Belp und das Gürbetal, 1983
– W. Lehmann, Belper Chronik 1900-1985, 1987