No 1

Fichte, Johann Gottlieb

nascita 1762 Rammenau (alta Lusazia), morte 1814 Berlino. ∞ (1793) Johanna Rahn. Filosofo, fu sostenitore del concetto postkantiano di libertà, da lui stesso denominato "dottrina della scienza". Insegnò come precettore a Zurigo dal settembre 1788 fino al marzo 1790, dove si fidanzò con Johanna Rahn. Dopo soggiorni a Lipsia e a Königsberg rientrò a Zurigo nell'estate del 1793. L'autunno seguente visitò durante il suo viaggio di nozze numerose località sviz., per esempio Berna e l'isola di San Pietro. Da febbraio ad aprile 1794 tenne corsi di dottrina della scienza a Zurigo in casa di Johann Kaspar Lavater; in maggio partì per Jena, dove l'Univ. del luogo gli aveva offerto una cattedra. F. rimase in contatto con rinomati intellettuali di Lucerna, Zurigo e Berna, tra cui Johann Heinrich Pestalozzi, Jens Baggesen, Franz Bernhard Meyer von Schauensee e Johann Samuel Ith. Dal 1795 numerosi studenti sviz. frequentarono i suoi corsi a Jena.


Opere
Züricher Vorlesungen über den Begriff der Wissenschaftslehre, a cura di E. Fuchs, 1996
Bibliografia
– K. Vieweg, «Französische Revolution, Schweizer Intellektuelle und Deutsche klassische Philosophie», in Fichte-Studien, 8, 1997, 291-308
– M. Bondeli, Kantianismus und Fichteanismus in Bern, 2001

Autrice/Autore: Martin Bondeli / ato