• <b>Arnold Koller</b><br>Il 6.3.1997, il presidente della Confederazione (sulla destra) ha accolto a Palazzo federale lo storico Jean-François Bergier, presidente della Commissione indipendente d'esperti Svizzera – seconda guerra mondiale, istituita dall'Assemblea federale in seguito alle polemiche sui fondi ebraici in giacenza  © KEYSTONE / Alessandro della Valle.

No 3

Koller, Arnold

nascita 29.8.1933 San Gallo, catt., di Gossau (SG) e Oberbüren, dal 1987 cittadino onorario di Gossau (SG). Figlio di Arnold, insegnante, e di Genoveva Brülisauer. ∞ Erika Brander, figlia di Paul, ramaio. Dopo il collegio ad Appenzello, ha studiato all'Univ. di San Gallo, dove ha ottenuto la licenza in scienze economiche (1957), e all'Univ. di Friburgo, conseguendo il dottorato in diritto (1966) e l'abilitazione (1971); inoltre ha seguito corsi di perfezionamento all'Univ. di Berkeley. È stato professore straordinario (dal 1972) e ordinario (dal 1980) di diritto economico e sociale europeo e intern. all'Univ. di San Gallo. Esponente del PPD, è stato membro del Consiglio nazionale (1971-86, pres. del gruppo parlamentare nel 1980, pres. dell'assemblea nel 1984-85) - dove si è occupato soprattutto di referendum in materia di accordi intern., articoli congiunturali, cogestione, protezione dei consumatori, diritto azionario e dei cartelli e politica agricola - e pres. del tribunale cant. di Appenzello Interno (1973-86). Quale Consigliere fed. (1987-99), ha diretto inizialmente il Dip. militare fed., e poi, dal 1989, il Dip. fed. di giustizia e polizia. In governo si è dedicato tra l'altro alla riforma della politica di sicurezza della Svizzera, all'acquisto di un nuovo fucile d'assalto e degli aerei da combattimento F/A 18, all'affare delle schedature, alla politica d'asilo e alla revisione totale della Costituzione fed. (poi approvata dal popolo nel 1999). Pres. dal 2005 del Forum delle federazioni con sede a Ottawa, nel 2004 ha ottenuto il dottorato h.c. in diritto dell'Univ. di Berna. Tenente colonnello di Stato maggiore generale.

<b>Arnold Koller</b><br>Il 6.3.1997, il presidente della Confederazione (sulla destra) ha accolto a Palazzo federale lo storico Jean-François Bergier, presidente della Commissione indipendente d'esperti Svizzera – seconda guerra mondiale, istituita dall'Assemblea federale in seguito alle polemiche sui fondi ebraici in giacenza  © KEYSTONE / Alessandro della Valle.<BR/>
Il 6.3.1997, il presidente della Confederazione (sulla destra) ha accolto a Palazzo federale lo storico Jean-François Bergier, presidente della Commissione indipendente d'esperti Svizzera – seconda guerra mondiale, istituita dall'Assemblea federale in seguito alle polemiche sui fondi ebraici in giacenza © KEYSTONE / Alessandro della Valle.
(...)


Bibliografia
– C. Schmid-Sutter, «Würdigung», in Recht, Staat und Politik am Ende des zweiten Jahrtausends, a cura di W. L. Schluep et al., 1993, 13-22
– Altermatt, Consiglieri federali, 614
– K. H. Burmeister, 100 Jahre HSG, 1997, 136, 161, 205, 207 sg., 235, 250, 288 (con elenco delle op.)

Autrice/Autore: Hermann Bischofberger / mku