16/06/2011 | segnalazione | PDF | stampare
No 3

Kopp, Elisabeth

Nell’edizione a stampa questo articolo Ŕ corredato da immagini. ╚ possibile ordinare il DSS presso il nostro editore.

nascita 16.12.1936 Zurigo, rif., di Zumikon, Nieder÷nz e Lucerna. Figlia di Max IklÚ. Abiatica di Adolph IklÚ e di Georges Heberlein. ∞ (1960) Hans W. K. ( -> 7). Dopo il liceo a Berna, ha studiato diritto all'Univ. di Zurigo, conseguendo la licenza nel 1960. Radicale, Ŕ stata municipale di Zumikon (1970), membro del Consiglio dell'educazione del cant. Zurigo (1972), sindaco di Zumikon (1974), Consigliera nazionale (1979-84) e vicepres. del partito radicale sviz. (dal 1984). Candidata dal gruppo parlamentare radicale, il 2.10.1984 Ŕ stata eletta, al primo scrutinio, quale prima donna in Consiglio fed. Successore del radicale zurighese Rudolf Friedrich alla guida del Dip. fed. di giustizia e polizia, durante il suo mandato si Ŕ occupata in particolare di politica d'asilo e degli stranieri (istituzione dell'ufficio del delegato ai rifugiati nel 1986). Con grande impegno personale si Ŕ adoperata per il miglioramento della condizione femminile; nel 1986 ha presentato alle Camere fed. il rapporto sul programma di revisione legislativa Uguaglianza dei diritti tra uomo e donna. Altri punti di forza della sua attivitÓ sono stati l'adozione di misure contro il riciclaggio di denaro, sulla protezione dalle disdette in materia di locazione, sulla tutela dai licenziamenti nel diritto del contratto di lavoro, sul diritto azionario e sulla protezione dell'ambiente.

Per una telefonata effettuata dal suo ufficio, in cui aveva consigliato al marito di dimettersi dal consiglio di amministrazione di una ditta sospettata di riciclaggio di denaro, nell'autunno del 1988 Ŕ stata accusata di violazione del segreto d'ufficio. L'affare ha assunto le dimensioni di uno scandalo politico, ponendo precocemente fine alla sua carriera politica; il 12.1.1989 si Ŕ dimessa con effetto immediato dalla carica. Nel novembre dello stesso anno Ŕ stato pubblicato il rapporto della commissione parlamentare di inchiesta, che definiva le dimissioni una misura inevitabile. Nel 1990 il Tribunale fed. ha prosciolto K. dall'accusa di violazione del segreto d'ufficio. Negli anni successivi Ŕ stata nuovamente attiva quale giurista e ha riassunto una dimensione pubblica (spec. quale conferenziera). Sul piano politico, si Ŕ impegnata in particolare a favore dell'adesione della Svizzera all'ONU (2002) e per l'assicurazione maternitÓ (2004).


Fonti
Avvenimenti in seno al DFGP: rapporto della Commissione parlamentare d'inchiesta (CPI) del 22 novembre 1989, 1990
Bibliografia
– C. Duttweiler, Kopp & Kopp, 1990
– Altermatt, Consiglieri federali, 607-613
– E. Girsberger, Abgewńhlt, 20042
E. Kopp - Eine Winterreise, [film] regia di A. BrŘtsch, 2006

Autrice/Autore: Urs Altermatt / mku