No 12

Fontana, Pio

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

nascita 23.10.1927 Balerna, morte 8.3.2001 Mendrisio, catt., di Balerna. Figlio di Demetrio e di Maria Scanziani. ∞ Argea Vigan˛. Si laure˛ all'Univ. Cattolica di Milano con una tesi sui Cinque canti di Ludovico Ariosto (a stampa nel 1962); nel 1965 pubblic˛, in collaborazione con il proprio maestro di studi Mario Apollonio, un ricco commento all'Orlando furioso. Dapprima insegnante al ginnasio di Mendrisio e assistente univ. a Milano, dal 1963 al 1992 fu titolare della cattedra di letteratura it. all'Univ. di San Gallo; fu inoltre professore invitato a Zurigo e Basilea. I suoi contributi sulla letteratura della Svizzera it., confluiti nella raccolta Arte e mito della piccola patria (1974), mostrano un F. conoscitore competente e acuto della produzione e degli ambienti culturali del Ticino. Si occup˛ anche di poesia e prosa it. moderna (Il noviziato di Pavese e altri saggi, 1968), prima di volgersi a due autori diversamente grandi, tra XIX e XX sec.: Benedetto Croce (Lettere a Giovanni Castellano, - 1908-1949, 1985) e Giovanni Verga (vari saggi, ancora dispersi in riviste e pubblicazioni miscellanee).


Bibliografia
– G. Fontana, P. Di Stefano (a cura di), Di selva in selva, 1993 (con bibl.)

Autrice/Autore: Guido Pedrojetta