12/09/2005 | segnalazione | PDF | stampare

Därstetten

Nell’edizione a stampa questo articolo è corredato da un’immagine. È possibile ordinare il DSS presso il nostro editore.

Com. BE, distr. Niedersimmental; (1228: Tarenchat). Il vasto territorio com., con alpeggi e boschi, si estende dal fondovalle ai declivi della catena dello Stockhorn e del Turnen. L'insediamento sparso comprende nella valle le Bäuerten di Weissenburg, Reichenbach e Wiler e, sul terrazzo a nord della valle, Weissenburgberg e Nidfluh. Pop: 535 ab. nel 1764, 1046 nel 1850, 897 nel 1900, 885 nel 1950, 759 nel 1980, 879 nel 2000.

La più antica traccia di presenza umana è un reperto del Neolitico a Stufengrind. Probabilmente nel terzo quarto del XII sec. i baroni von Weissenburg fondarono nel centro della loro signoria, sulla riva destra della Simmen, il capitolo di canonici agostiniani di D. (cit. nel 1228, regola dell'ordine nel 1233). Nel 1368 i loro eredi, i baroni von Brandis, succedettero loro in qualità di protettori. Nel XIII e XIV sec., i possedimenti del capitolo si ampliarono soprattutto nel Simmental e Diemtigtal grazie alle donazioni di nobili (fra cui i von Raron e i von Weissenburg) e all'acquisto di beni degli ab. del luogo. La chiesa di S. Maria, in stile romanico, fu modificata più volte dal XIII sec.; al tempo stesso chiesa conventuale e filiale di Oberwil nel Simmental, serviva quale luogo di sepoltura per i signori del posto. Il preposito e uno o due canonici si occupavano della cura delle anime a D., Weissenburg (cappella di S. Pantaleone, consacrata nel 1327) e Oberwil (diritti di patronato acquisiti nel 1326). La città di Berna, dal 1439 proprietaria della signoria di Weissenburg, nel 1486 incorporò la prepositura, contro la volontà di quest'ultima, al capitolo di S. Vincenzo di Berna. Il governo del Niedersimmental (Schaffnerei, dal 1528 castellania) amministrava i possedimenti. La chiesa divenne parrocchiale solo con la Riforma, nel 1528.

Nel XVI sec. le Bäuerten passarono dall'economia autarchica a un'economia di esportazione basata sull'allevamento nel fondovalle, a mezza montagna e sugli alpeggi; i cereali venivano acquistati. Dopo l'apertura della linea ferroviaria Spiez-Zweisimmen (1902), la stazione di D. e la fermata di Weissenburg divennero le aree centrali del com. Dal 1980 è aumentata l'attività edilizia nelle zone bene esposte al sole. Oggi l'economia di D. si fonda sull'allevamento, sull'economia lattiera, alpestre e forestale, su alcune piccole imprese (edilizia e lavorazione del legno) e su attività legate al turismo (appartamenti di vacanza).


Bibliografia
– G. Will, Die romanische Klosterkirche in Därstetten, mem. lic. Berna, 1966
– U. Stucky, Ortsplanung Därstetten, 1969
– H.-P. Ryser, Kirche Därstetten, 1997

Autrice/Autore: Anne-Marie Dubler / gso