No 2

Rabaglio, Vigilio

nascita 24.9.1711 Gandria (oggi com. Lugano),morte 26.5.1800 Gandria, catt., di Gandria. Figlio di Giacomo e di Lucia Rastelloni. Fratello di Pietro ( -> 1). ∞ 1) (1735) Laura Bordoni, di Gandria; 2) (1778) Lucia Boni. Dopo una formazione di architetto a Milano e Vicenza (1723-34), lavorò alla Certosa di Pavia, alla Consolata di Torino e in val d'Aosta (1734-36). Dal 1737 fu attivo a Madrid, dove avviò una fortunata carriera di architetto al servizio dei Borboni. Tra le sue opere più importanti figura la progettazione del palazzo reale di Riofrío (Segovia) per Elisabetta Farnese (eretto dal 1752). Rientrato a Gandria nel 1760, per 20 anni si occupò della gestione del patrimonio accumulato all'estero e partecipò alla vita della comunità.


Archivi
– ASTI
– Reale Acc. di belle arti di S. Fernando, Madrid
Bibliografia
– C. Agliati (a cura di), Mastri d'arte del lago di Lugano alla corte dei Borboni di Spagna, 2010 (con bibl.)

Autrice/Autore: Lucia Pedrini-Stanga