20/07/2012 | segnalazione | PDF | stampare

Studen (BE)

Com. BE, distr. Nidau, circoscrizione amministrativa Seeland, situato ai piedi dello Jensberg, lungo il vecchio corso dell'Aar; (1257: Studon). Pop: 85 ab. nel 1764, 210 nel 1850, 373 nel 1900, 688 nel 1950, 1312 nel 1970, 2387 nel 2000. Sul pendio dello Jensberg si trova il sito archeologico di Petinesca. Come i com. limitrofi, nel ME S. apparteneva alla signoria dei conti de Neuchâtel-Nidau. Passato a Berna (1398), fu incorporato nella giurisdizione del quartiere di Schwadernau nel baliaggio di Nidau. Sul piano ecclesiastico faceva capo alla parrocchia di Bürglen. Piccolo villaggio di contadini dediti all'avvicendamento delle colture e dotati di diritto di pascolo sul Büttenberg, fino alla correzione delle acque del Giura (1868-91) S. fu colpito dalle inondazioni dell'Aar. La bonifica della zona paludosa e la ricomposizione parcellare (1963-77) diedero nuovi impulsi all'agricoltura, che all'inizio del XXI sec. aveva però solo un ruolo marginale (nel 2005 offriva il 3% dei posti di lavoro nel com.). Benché all'epoca si trovasse lontano dai principali assi stradali e sia stato allacciato alla rete delle FFS solo nel 1999, dopo il 1950 S. conobbe una crescita rapida nel solco dello sviluppo industriale di Bienne. Nel com. si insediarono imprese commerciali e artigianali. Nella seconda metà del XX sec. tutto il territorio com. fu interessato da un'intensa attività edilizia. Vennero costruiti edifici per la scuola elementare (1968) e le scuole secondarie (1973 e 1983). Fu inoltre istituito l'ufficio pastorale di S.-Schwadernau del com. parrocchiale di Bürglen. La zona protetta del vecchio corso dell'Aar e Petinesca sono mete di escursioni. Nel 2005 il settore terziario forniva il 71% dei posti di lavoro nel com. Nonostante l'incremento degli impieghi offerti a S., nel 2000 oltre due terzi della pop. attiva erano costituiti da pendolari in uscita.


Bibliografia
– P. Aeschbacher, Stadt und Landvogtei Nidau von den Anfängen bis ins 16. Jahrhundert, 1929
– J. Mathez, Bauinventar der Gemeinde Studen, 2002
– M. Kocher, 750 Jahre Studen, 2006

Autrice/Autore: Anne-Marie Dubler / mdi